Strasburgo chiede tagli delle emissioni più profondi

L’Europarlamento chiede agli stati di aumentare gli obiettivi Ue di riduzione delle emissioni entro il 2030, dall’attuale 40% al 55% rispetto ai livelli del 1990

emissioni

Aumentare gli obiettivi Ue di riduzione delle emissioni entro il 2030 dall’attuale 40% al 55% rispetto ai livelli del 1990, per mantenere gli impegni dell’accordo sul clima di Parigi. Lo chiede una mozione approvata dalla plenaria dell’Europarlamento con 239 voti a favore, 145 contrari e 23 astenuti. In vista della conferenza sul clima di Katowice in dicembre, la mozione chiede ai Paesi Ue di promuovere azioni concrete per mantenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 gradi rispetto all’era preindustriale, invece dei 2 gradi generalmente indicati come obiettivo. 

Se gli impegni nazionali non verranno aggiornati, infatti, si rischia un aumento di temperature a fine secolo pari a 3,7 gradi. Uno scenario letteralmente insostenibile per molti paesi del mondo, in particolare per i piccoli stati insulari che rischiano di finire sott’acqua.