martedì 26 Gennaio 2021

Strage di balene nell’Oceano antartico

Strage delle balene

È una vera e propria strage, quella compiuta nell’Oceano antartico dalle baleniere giapponesi la scorsa estate. Sono 333, infatti, le balene uccise: 181 femmine, di cui 122 gravide. A renderlo noto sono stati gli stessi ricercatori giapponesi che hanno giustificato questa crudeltà parlando di ricerca scientifica. È quanto si legge nella loro relazione, intitolata “Nuovo programma di ricerca sulle balene nell’Oceano Antartico”, inviata alla International Whaling Commission (IWC), l’organismo globale intergovernativo che si occupa della conservazione delle balene e della regolazione della caccia ai cetacei. Un rapporto che attesta la crudeltà verso centinaia di specie di balenottere minori, durante la consueta stagione di caccia nell’Antartide.

Né il Giappone né la Norvegia, infatti, hanno mai rispettato la moratoria sulla caccia commerciale delle balene istituita nel 1986 dall’Iwc. I nipponici non si sono fermati nemmeno davanti all’imposizione della Corte internazionale di giustizia di sospendere la caccia, stabilendo che non aveva motivazioni scientifiche. Due anni dopo, il Giappone ha ripreso la caccia ai cetacei sotto un nuovo programma di ricerca scientifica, limitandosi a ridurre di un terzo la quota di animali di abbattere.

Alexia Wellbelove, dirigente della ong Humane Society International, ha commentato: «L’uccisione di 122 balene gravide è un dato scioccante e un triste atto d’accusa della crudeltà della caccia giapponese. È un’ulteriore dimostrazione, caso mai servisse, della natura raccapricciante e inutile di queste operazioni, specialmente quando ricerche non letali si sono dimostrate sufficienti per le necessità scientifiche».

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente