domenica 25 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Se è l’uomo a mordere lo squalo

DAL MENSILE Non è l’abitante più pericoloso dei mari ma quello che garantisce l’equilibrio dell’ecosistema marino. Eppure è minacciato. Un progetto internazionale punta a ridurne le catture, non solo accidentali. E a garantirne la sopravvivenza

È indubbiamente uno dei “re” dei mari, in testa alla catena alimentare degli ecosistemi marini, e per questo ha una funzione importantissima per l’equilibrio dell’oceano. Eppure è a forte rischio sin dagli anni Ottanta a causa di catture accidentali ed eccessiva pressione della pesca. Parliamo dello squalo, dipinto erroneamente da un’ampia filmografia come l’abitante dei mari più pericoloso per l’uomo. Invece è il predatore che riesce a mantenere gli equilibri dell’ecosistema marino.

Sono pochi i casi di attacchi all’uomo – riguardano solo lo squalo bianco – mentre numeri e studi degli ultimi anni raccontano tutt’altra storia: secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn), infatti, oltre il 30% delle specie di pesci cartilaginei – come gli squali e le razze – è minacciato e 39 delle 73 specie fortemente a rischio lo sono nel Mediterraneo. Il 14 luglio si celebra la “Giornata mondiale degli squali”, ed è proprio in occasione dello Shark day che si rinnova l’impegno del progetto europeo “Life Elife”, cofinanziato dalla Commissione europea attraverso il programma “Life” e coordinato dalla Stazione zoologica “Anton Dohrn”, istituto nazionale di biologia, ecologia e biotecnologie marine. Ridurre le catture accidentali attraverso la diffusione di attrezzature a basso impatto ambientale favorendo la conservazione delle specie di squalo più minacciate nel Mediterraneo e sfatare il falso mito dell’animale pericoloso per gli esseri umani. Sono questi gli obiettivi principali del progetto, che coinvolge dieci partner in Italia, Grecia e Cipro, fra cui Legambiente, Cnr, Aree marine protette e cooperative di pesca.

«Lo squalo non è un mostro – dice Massimiliano Bottaro, ricercatore presso la Stazione zoologica “Anton Dohrn” – e nel Mediterraneo vivono ben 48 specie diverse, di cui circa la metà sono in pericolo a causa di inquinamento, catture accidentali e distruzione dell’habitat marino. Con “Life Elife” abbiamo diffuso attrezzature a basso impatto ambientale come il Sed, Shark excluder device, che ha la funzione di limitare il fenomeno del by catch nella pesca a strascico. La chiave di volta per raggiungere gli obiettivi fissati è coinvolgere e sensibilizzare i pescatori, già ascoltati con questionari mirati a capire le loro esigenze e problematiche». L’ausilio della tecnologia sarà fondamentale per le azioni del progetto europeo, basti pensare alla Sharkapp: un’applicazione realizzata per raccogliere dati sulla presenza degli squali in mare oltre a segnalazioni di avvistamenti di squali in porti e pescherie. «Sì, perché molte specie protette di squali vengono commercializzate – spiega Federica Barbera dell’ufficio biodiversità e aree protette di Legambiente – e finiscono sulle nostre tavole con altri nomi: possiamo citare palombo, verdesca, smeriglio, vitella di mare o nocciola. Conservare queste specie significa tutelare la biodiversità dei mari, e per questo nell’ambito di “Life Elife” abbiamo lanciato un contest fotografico, con premi in palio, per sensibilizzare pescatori e amanti del mare sui rischi che minacciano squali e razze nel Mediterraneo».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

FestambienteSud parte dall’economia circolare, l’agroecologia e la musica di Daniele Sepe

Al via della XVII edizione del festival nazionale di Legambiente per il Sud l’ecoforum e un incontro sull’economia circolare. In serata il concerto di Daniele Sepe . Il video racconto della prima giornata di FestambienteSud 2021

Azione climatica, l’impegno europeo per ridurre le emissioni è ancora insufficiente

Il nuovo Pacchetto legislativo Clima-Energia “Fit for 55” proposto dalla Commissione lo scorso 14 luglio è inadeguato a fronteggiare la crisi climatica e a mantenere vivo l’obiettivo di 1.5°C. Un obiettivo ambizioso ma possibile

G20, Cingolani: “Raggiunto un accordo unico sulla tutela della natura”, in piazza cresce la protesta

Secondo il ministro il documento riprende la visione del Pnrr italiano: tutela degli ecosistemi e della biodiversità, economia circolare, finanza green I difficili negoziati sulla transizione ecologica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Elettromagnetismo, continua il tentativo di innalzare i limiti di legge

In queste settimane, grazie alla vigilanza della società civile, si è scongiurato il rischio di emendamenti per aumentare da 6 v/m a 61 v/m. Ma la battaglia in Parlamento non è ancora finita

Rete EducAzioni, la scuola in presenza è l’unica opzione

L'appello del coordinamento di cui fa parte tra gli altri il Forum Disuguaglianze Diversità, le Scuole senza zaino, Saltamuri e Asvis al governo e al ministro dell'istruzione. Per un'istruzione senza disparità

G20 a Napoli, il controvertice dell’ecosocialforum

Una tre giorni dal basso, di informazione, di confronto e di mobilitazione. Insieme i Fridays for future, Extinction Rebellion, Greenpeace e tanti comitati locali: sono le "bees against G20"

Formula 1, Vettel raccoglie i rifiuti sugli spalti di Silverstone

Uscito anzitempo al Gran Premio di Gran Bretagna il pilota tedesco ha deciso di dare una mano per ripulire il circuito di Silverstone
Ridimensiona font
Contrasto