martedì 26 Gennaio 2021

Sommosse epistolari

immagine di una cartolina che raffigura un barcone di migranti

Dopo le magliette rosse, un’altra azione di “ribellione civile” contro i diktat del ministro Salvini. Questa volta a mobilitarsi è un collettivo indipendente di creativi che da tutta Italia propone una “sommossa epistolare”, chiedendo a tutti coloro che vogliono “restare umani” di mettere a disposizione la loro creatività per produrre diecimila cartoline, fra il vintage e il trash, da inviare al ministero dell’Interno.

Cartoline che facendo il verso a quelle estive di una volta, con baci e abbracci da tutte le località di mare e dagli scorci più ameni d’Italia, ribaltino il messaggio estivo di tranquillità e riposo ricollocando quelle immagini nel drammatico scenario di un Mediterraneo desertificato dalle navi di soccorso delle ong, dove non potranno che moltiplicarsi naufragi e violenze.

Già oggi sul loro sito (www.soloincartolina.it) le prime cartoline prodotte e inviate: un’ironia corrosiva, che sa mettere a nudo la disumanità e l’oltraggio alla vita prodotto dalle nuove misure assunte dal titolare del Viminale e sostanzialmente appoggiate dall’Europa.

Le cartoline sono lo strumento per tutti coloro capaci di vedere oltre gli ombrelloni e i messaggi d’odio, di arrivare con lo sguardo al largo delle nostre coste. È un duplice messaggio, di sostegno a chi salva le vite in mare ricordando che “salvare vite non è reato” e al ministro Salvini per fargli vedere che c’è un’Italia che non accetta la sua violenza. Ostacolare le operazioni di salvataggio è una violazione dei diritti umani che non può essere ignorata. 

“Stiamo chiedendo ai creativi di tutta Italia di inviarci i loro ‘Saluti e baci’ dalle località di mare che preferiscono, mostrando quello che accade davanti ai nostri occhi ogni estate ma che scegliamo di non vedere”, così i promotori commentano la loro iniziativa. Quelle cartoline potrebbero diventare materiale per mostre e iniziative nelle nostre spiagge e nelle piazze per raccogliere la voce di chi vuole restare umano.

Articoli correlati

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Tutte le verità sul biometano

Siamo il quarto Paese al mondo per numero di impianti di produzione di biogas e biometano dalla frazione organica dei rifiuti e dagli scarti agroalimentari. Ma l’opinione pubblica è diffidente, anche perché informata poco e male

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”