mercoledì 27 Gennaio 2021

Snam incassa il via libera per la costruzione della centrale a Sulmona

Con decreto del 7 marzo il ministero dello Sviluppo economico, direzione generale per la sicurezza dell’approvvigionamento e per le infrastrutture energetiche, ha dato il via libera alla “Centrale di compressione gas di Sulmona” della Snam rete gas spa, dichiarando la pubblica utilità dell’opera, “riconoscendone altresì urgenza e indifferibilità” nonché la conformità agli strumenti urbanistici vigenti. I lavori di costruzione della centrale, che è parte del metanodotto Brindisi-Minerbio, dovranno iniziare entro due anni “salvo motivate richieste di proroga, e concludersi entro tre anni dal loro inizio”.

La Snam, con una nota, annuncia che l’avvio dei lavori “sarà preceduto dall’esecuzione delle attività previste dalle prescrizioni del decreto di Valutazione di impatto ambientale rilasciato il 7 marzo 2011. In accordo con gli enti competenti, la società avvierà il progetto della rete di monitoraggio delle emissioni e del rumore. Saranno quindi realizzate, a Sulmona, centraline di rilevamento delle emissioni atmosferiche. Tale attività avrà inizio almeno un anno prima dell’avvio della fase di cantiere”.

Come previsto nel decreto Via, “Snam si impegna a utilizzare i sistemi di combustione e abbattimento delle emissioni previsti dalle migliori tecnologie disponibili”. Nella nota Snam assicura inoltre che “continuerà a dialogare in modo trasparente e aperto con la popolazione e le istituzioni abruzzesi, disponibile al confronto e a fornire tutte le necessarie informazioni e delucidazioni”.

Ma la “battaglia” continua

“Non ci arrendiamo e ora più che mai continuiamo la battaglia su tutti i fronti contro la realizzazione della centrale Snam a Sulmona”. Lo afferma il sindaco Annamaria Casini commentando l’autorizzazione definitiva data dal Mise alla realizzazione della centrale Snam. “È stato depositato ieri il ricorso al Tar Lazio contro la delibera del Consiglio dei ministri del 22 dicembre scorso, richiedendo anche la sospensiva del decreto di autorizzazione alla costruzione dell’infrastruttura, dannosa per il nostro territorio – spiega – Lunedì prossimo sarà depositato il ricorso congiunto ad adiuvandum di 14 Comuni del comprensorio, ma siamo già pronti ad apportare integrazioni con incisive azioni successive”.

La sindaca dichiara di essere venuta a conoscenza del decreto soltanto oggi. “Dopo la fase legale si passerà a quella politica, in cui saranno i nuovi interlocutori a dover prendere in mano le redini della situazione per la salvaguardia del nostro territorio. Attendiamo la formazione del nuovo governo, noi non arretreremo di un solo passo, continuando a dire no alla centrale di compressione Snam, lottando con tutti i mezzi a disposizione anche contro la realizzazione del metanodotto nei nostri territori a forte rischio sismico”.

Lo scorso 27 dicembre la prima cittadina Casini aveva presentato le dimissioni per protestare contro la delibera di approvazione del progetto, chiedendo inoltre al presidente del Consiglio Gentiloni di ripensare quella decisione “scellerata”. Dopo un incontro a Palazzo Chigi a fine anno, dal quale era emerso che il decreto era “congelato”, il 15 gennaio Casini aveva ritirato le dimissioni annunciando che, insieme ai Comuni del comprensorio e alla Regione Abruzzo, si stava lavorando al ricorso al Tar Lazio contro la delibera.

pubblicato il 9 marzo 2018 alle 17.45
aggiornato il 9 marzo 2018 alle 18.35

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente