domenica 24 Gennaio 2021

Sisma, la campagna “Alleva la speranza” riparte

Silvia Bonomi Cartello Inizio Lavori Stallaamelia Nibbi3 Esterni Foto Di Lorenzo Pallini
Silvia Bonomi con il cartello di inizio lavori della stalla (Foto di Lorenzo Pallini)

Si è conclusa con successo la prima fase di Alleva la Speranza, la raccolta fondi lanciata a novembre scorso da Legambiente ed Enel per sostenere gli imprenditori agricoli del centro Italia colpiti dal sisma del 2016. Sono quattro i primi progetti realizzati. Grazie alla generosità di oltre 280 donatori sono stati infatti raccolti 78.500 euro per la ricostruzione delle stalle di Silvia Bonomi a Ussita (Macerata) e di Amelia Nibi ad Amatrice (Rieti) e per l’acquisto dei macchinari per le aziende di Teresa Piccioni nella frazione Pietralta del comune di Valle Castellana, nel Teramano e di Alessia Brandimarte a Norcia (Perugia).

“Alleva la speranza” proseguirà con l’obiettivo di sostenere in due anni venti progetti di allevatori e allevatrici nel Centro Italia del post terremoto. Dal 15 maggio, sulla piattaforma PlanBee ripartirà il crowdfunding per contribuire alla ripresa delle attività di altri quattro allevatori, che racconteranno le loro storie e gli obiettivi da raggiungere. “Alleva La Speranza rappresenta infatti anche un’occasione per consentire a quei territori di ‘parlare’ e di incentivare un’economia sociale che possa permettere di tenere in piedi le comunità messe a dura prova dalle scosse del 2016 – dichiara Enrico Fontana, responsabile della campagna per Legambiente -. Oltre ai fondi raccolti, la campagna sta consentendo di tenere un faro acceso e di raccontare, a quasi tre anni dal terremoto, quel che sta accadendo di positivo nei territori colpiti. Perché crediamo che, insieme al sostegno, sia davvero importante dare voce all’impegno di chi ha deciso di non rinunciare a quei luoghi ma di continuare a costruirvi la propria vita e a tessere la tela dell’economia del territorio”. Con la campagna Alleva la Speranza offriamo un impegno concreto al rilancio dell’economia dei territori devastati dagli eventi sismici del 2016” ha dichiarato Massimo Bruno responsabile sostenibilità e affari istituzionali.Vogliamo aiutare le famiglie e soprattutto i giovani a ricostruire il loro futuro nella propria terra. Enel è da sempre protagonista della vita di queste comunità e vuole continuare ad esserlo anche grazie ad iniziative che consentano ad aziende e cittadini di guardare al futuro con ottimismo”. 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia