Sicurezza sul lavoro, oggi ricorre la Giornata mondiale

Nel 2018 oltre 640mila incidenti, un aumento del 10% di morti bianche e casi estremi come quello di Taranto dove non si arrestano le malattie cancerogene legate ad attività lavorative Parte dal Cilento il cicloviaggio per la sicurezza sul lavoro

L'immagine di un paio di guanti di un operaio

Oggi, domenica 28 aprile, ricorre la Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro, istituita nel 2003 dalla Organizzazione Internazionale del Lavoro (Oil). Una giornata in cui istituzioni, governo, sindacati e società civile sono chiamati a riflettere alla luce dell’impennata di incidenti sui luoghi di lavoro registrata nell’ultimo anno come evidenziato in un’indagine diffusa ieri dall’Osservatorio statistico dei consulenti sul lavoro. Nel 2018 ci sono stati infatti oltre 640mila incidenti, si è registrato un aumento del 10% dei morti e sono state confermate situazioni di criticità estrema come quella di Taranto, a cui è spettata per l’ennesima volta la maglia nera per il numero di casi di malattie cancerogene legate ad attività lavorative. 

“In questo giorno, l’attenzione è focalizzata sul tema della prevenzione nei luoghi di lavoro, necessaria per salvaguardare i lavoratori dagli infortuni e dalle malattie professionali”, ha dichiarato Silvana Roseto, segretaria confederale della Uil.

“I dati sugli infortuni, di cui purtroppo molti mortali, diffusi nelle ultime ore, non sono certo confortanti – ha specificato la Roseto – In occasione di questa ricorrenza, dunque, ancora una volta, chiediamo più impegno e attenzione da parte del Governo, delle Istituzioni, degli imprenditori affinché questo triste ‘contatore’ si fermi”.