venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

“Sicurezza”, come rileggere il presente

Cover del libro "Sicurezza"Cominciamo con due notizie: una buona, l’altra cattiva. Quella “cattiva” è che per leggere il libro oggetto di queste righe serve essere motivati. Non lo troverete nella vostra libreria di fiducia né sugli scaffali di qualche Feltrinelli o Mondadori. Bisogna ordinarlo. La notizia buona è che vale davvero la pena leggerselo. E magari partecipare a una delle serate di presentazione, un’occasione autentica di confronto fra lettori e autori. Stiamo parlando di Sicurezza, testo uscito per Edizioni Messaggero, piccolo editore di Padova. Gli autori sono Mauro Cereghini, ricercatore e formatore sui temi della pace, della mediazione e della cooperazione internazionale, e Michele Nardelli, saggista, dirigente politico e anche lui ricercatore sui temi della pace. Entrambi con un passato comune nell’Osservatorio Balcani e Caucaso.

«Non si tratta di un saggio – chiarisce Nardelli – Con questo lavoro proponiamo un discorso politico sulla sicurezza. A partire dalla consapevolezza che servono nuove chiavi di lettura del presente e una diversa declinazione di questa parola, quella del prendersi cura». Nelle ultime campagne elettorali “sicurezza” è invece diventata l’abracadabra della destra: la parola magica da spendere sui social network, nei comizi, in un talk show. Facendo leva sulla paura e sull’ansia per ciò che ci accade intorno – recessione, globalizzazione, migrazioni – l’evocazione della sicurezza s’è fatta il perno di una narrazione tossica che non poteva non sfociare nell’autoritarismo e nella retorica del prima gli italiani.

In questo volume, Michele Nardelli e Mauro Cereghini cercano di svelare le ambiguità delle strumentalizzazioni di questo concetto, i falsi miti, le cause e la sua possibile declinazione in chiave progressista, solidaristica, comunitaria. È un invito, il loro, a riflettere sul significato della parola per liberarla dai luoghi comuni che l’associano alla difesa e all’esclusione. In neanche cento pagine i due autori trentini provano così a ripercorrere la strada che ci ha condotto, scrivono nella prefazione, “a vedere della sicurezza solo quello che vogliamo, cioè paura e chiusura”. Elementi avvertiti anche “nelle relazioni internazionali, dove tornano categorie protezionistiche come l’interesse nazionale o il sovranismo, rappresentati visivamente da muri e reticolati alle frontiere”. E proprio l’immagine dello scontro di civiltà, falsa ma ripetuta ossessivamente da quel maledetto 11 settembre, è il fulcro del primo dei quattro capitoli.

L’analisi si concentra poi sulle dinamiche della vita quotidiana nelle nostre città, “dove i richiami alla sicurezza urbana sembrano tradursi solo in politiche di ordine pubblico, separazione ed esclusione. I luoghi pubblici si desertificano, mentre proliferano telecamere e apparati di controllo nella falsa illusione di dare protezione e prevenire il degrado”. Ai conflitti, che vanno elaborati e mai negati, e all’incapacità di fare i conti con il passato, è dedicato il terzo capitolo. “Prendersi cura. Sicurezza e complessità nel discorso pubblico” si occupa infine di ridare un senso plurale all’idea di sicurezza. Se la pace non è il solo rifiuto della guerra, come professa il “pacifismo concreto” di Alex Langer, la sicurezza non può essere ridotta alla difesa del nostro spazio. Insomma, l’orizzonte è quello di un nuovo umanesimo, “capace di riconsiderare i diritti in base alla loro esigibilità universale e di modificare i comportamenti verso la sobrietà nei consumi e la qualità nelle relazioni”.

Mauro Cereghini
Michele Nardelli
“Sicurezza”
Edizioni Messaggero Padova
pp. 104, 10 euro

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto