giovedì 29 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Si è sciolto A68, l’iceberg più grande del mondo

Grande circa 6mila km quadrati, pesava quasi un miliardo di tonnellate e si era staccato dall’Antartide nel 2017. L’acqua calda e le onde lo hanno frantumato in migliaia di pezzi

A68, l’iceberg più grande del mondo, si è sciolto. Stando a quanto comunicato dal National Ice Center degli Stati Uniti si è ormai frantumato in migliaia di piccoli pezzi. Grande circa 6mila km quadrati, pesava quasi un miliardo di tonnellate e si era staccato dalla piattaforma madre, la Larsen C, situata in Antartide nel 2017. Per un anno era rimasto immobile, poi si era iniziato a muovere improvvisamente spinto da correnti e venti. Dopo aver attraversato l’Atlantico meridionale si era spinto vicino al territorio d’oltremare britannico della Georgia del Sud. Ma prima di schiantarsi, le onde, l’acqua calda e le temperature più elevate rispetto a quelle a cui fino ad allora aveva resistito lo hanno fatto sciogliere.

“È incredibile che A68 sia durato così tanto se si pensa al rapporto di spessore, è come quattro fogli A4 impilati uno sull’altro – ha spiegato alla Bbc Adrian Luckman, professore dell’Università di Swansea – Quindi questo oggetto è incredibilmente flessibile e fragile nel suo tragitto attraverso l’oceano. È durato quattro anni ma alla fine si è spezzato in quattro o cinque pezzi che poi si sono frantumati a loro volta”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Roberto Danovaro: “Per vivere bene sul pianeta abbiamo bisogno dell’oceano sano”

Dal mensile. Professore di Biologia marina e presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn”, spiega perché è importante studiare i mari e quanto resta ancora da fare per tutelare quelli italiani

Scrigno d’acqua

Dal mensile. Biodiversità, cibo, energia, materie prime. I servizi ecosistemici che rendono possibile la vita sulla Terra possono nutrire l’economia del futuro. Se gli ecosistemi marini saranno ben tutelati
Ridimensiona font
Contrasto