sabato 23 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Sharing mobility: partito il crowdfunding per il film “Un viaggio condiviso”

Su Produzioni dal basso un progetto che ha lo scopo di diffondere la cultura della mobilità sostenibile e condivisa. Il protagonista è il fotografo Marco Nero Formisano, da sempre attivo sui temi della sostenibilità

Il settore dei trasporti ha un impatto significativo sull’ambiente, ma la mobilità sostenibile è una soluzione al problema. Proprio in questi giorni è partita la campagna di finanziamento su Produzioni dal basso per il documentario “Un viaggio condiviso”, un lavoro che ha lo scopo di spiegare e diffondere la cultura della sharing mobility.

L’obiettivo è quello di costruire un sistema ideale di mobilità che permetta di ridurre la nostra impronta ecologica, rendendo al contempo gli spostamenti più efficienti e veloci. Gli strumenti per raggiungere reali risultati sono già disponibili e sono la tecnologia, l’innovazione e il comportamento delle persone.

Quest’ultimo, in particolare, gioca un ruolo chiave nel successo di un progetto ed è per questo motivo che il fotografo Marco Nero Formisano, da sempre attivo in merito alla sostenibilità e alla tutela dell’ambiente, ha deciso di percorrere oltre 900 km (a/r), utilizzando tutti i mezzi della sharing mobility per sensibilizzare il pubblico al tema della sostenibilità e dell’impatto ambientale.

Il documentario seguirà il viaggio di Marco descrivendo lo stato della mobilità sostenibile in Italia ma non solo; attraverso il metodo dell’intervista colloquiale incontrerà lungo la strada realtà affini ai temi della green economy restituendo testimonianze dirette di stili di vita orientati a mantenere bassa la nostra impronta ecologica. Il regista è Federico Santini.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Verso G20 di Roma e Cop25, Legambiente: Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

QualEnergia SETTEMBRE/OTTOBRE 2021

FOCUS KEY ENERGY 2021 Fiera internazionale del clima, rinnovabili, efficienza e mobilità; Rimini 26-29 ottobre RINNOVABILI CONTRO IL CARO BOLLETTE In vista della Cop26 accelerare sul contenimento...

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Verso G20 di Roma e Cop25, Legambiente: Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Stadi e impianti sportivi in Italia, il 60% costruito prima del 1980

Dal mensile - In Italia ci sono circa centomila impianti sportivi, il 60% costruito prima del 1980. Riqualificarli, evitando nuovo cemento, è la tattica vincente. Per tutti

Giochi senza impatto

Dal mensile - I testimonial green prendono campo nello sport. E con “Ecoevents” anche le grandi manifestazioni diventeranno sostenibili
Ridimensiona font
Contrasto