martedì 15 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno online sul tema

Quando arriva una diagnosi di cancro la vita delle persone, viene sconvolta. Le terapie e gli interventi chirurgici, gli effetti collaterali, i cambiamenti del corpo sono argomenti noti. Ma c’è un aspetto di cui troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Secondo le indagini condotte finora, si tratta di un problema trasversale al genere, ma le donne, soprattutto quelle colpite da tumori tipicamente femminili come il carcinoma mammario o le neoplasie ginecologiche, sembrano risentirne di più. Proprio per questo è nato il progetto “Sex and the Cancer – quello che le donne non dicono”, partito con un convegno online il 9 dicembre scorso e rivolto a professionisti (e non solo) per scardinare il tabù. “Gli obiettivi – spiega l’ideatrice Amalia Vetromile – sono portare alla luce il non detto, sensibilizzare i medici sul tema attraverso la formazione e l’informazione, incentivare la ricerca e fare leva sulle istituzioni perché garantiscano un’assistenza egualitaria su tutto il territorio nazionale. Non da ultimo c’è quello di creare una comunità che diventi un movimento di cambiamento che si batte per il diritto ad avere una sessualità soddisfacente dopo il cancro”. Proprio per questo il progetto Sex ant the cancer ha in programma degli incontri online quindicinali di approfondimento (il martedì alle 18.30): Sexandthecancer-Storie!, con i relatori del convegno e altri invitati (da marzo a giugno 2021). Il primo sarà martedì 11 maggio.

Ma sono tante le attività che confluiranno in una mostra fotografica Sexandthecancer – Ballata sensuale!,  in collaborazione con la Fondazione Alinari (che prevede nella giornata inaugurale anche un convegno scientifico con crediti ECM) che si terrà al Museo MAXXI di Roma dal 15 al  26 settembre 2021. E’ prevista anche la collaborazione con l’Università di Roma Sapienza.
La mostra si inserisce in un percorso più ampio di sensibilizzazione del personale sanitario, le donne e le Istituzioni,  sulle tematiche urogenitali che colpiscono le donne che vivono con e dopo il cancro (in Italia circa 2 milioni di donne, spesso molto giovani) quali effetti collaterali delle terapie oncologiche di cui in Italia non si parla.
Abbattere un tabù implica profondi cambiamenti culturali, formativi e sociale. La mostra sarà “inclusiva” (anche per non vedenti, in collaborazione con l’Associazione Blindsight project)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

Transizione energetica, creare valore per le persone e le comunità

È l'orizzonte che si pone la strategia di sostenibilità del Gruppo Maire Tecnimont. Individuati quattro macroaree di intervento e otto obiettivi prioritari per il 2025, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Le imprese green sono quelle che resistono di più alla crisi del Covid

Il 16% delle imprese eco-investitrici ha aumentato il proprio fatturato nell’ultimo anno. È il quadro che emerge alla fine del progetto Ecco - Economie Circolari di COmunità, promosso da Legambiente

Il rovescio dei reflui

In tre isole greche, e nella nostra Gorgona, si sperimentano sistemi per recuperare le sostanze nutritive delle acque di scarico. Per ridurre il danno ambientale e sviluppare l’economia

Mosaico Verde, messi a dimora 267mila alberi in 60 aree gestite da Comuni

Presentati il 9 giugno a Roma i risultati raggiunti dalla campagna nel triennio 2018-2021. Grazie ai nuovi alberi piantati si stima per i prossimi anni un assorbimento di circa 186.900 tonnellate di CO2
Ridimensiona font
Contrasto