Sergio Costa, ministro attivista

In vacanza ad Ascea, il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha denunciato due diportisti che inquinavano il mare, allertando la Guardia Costiera

Sergio Costa

Un ministro attivo Sergio Costa, che da quando è entrato al dicastero dell’Ambiente ha fatto molto parlare di sé. Ma che fosse anche un ministro attivista non si sapeva. Eppure qualche giorno fa, mentre trascorreva qualche giorno in ferie con la famiglia ad Ascea, nel Cilento, ha dato prova di una vera sensibilità ambientale.

Notando che il mare cambiava colore, che sull’acqua galleggiavano chiazze di sapone e che a poca distanza dalla riva ormeggiavano due imbarcazioni, ha documentato l’attività dei diportisti con la fotocamera dello smartphone e ha contattato la Guardia Costiera. 

Repubblica ha riportato la conversazione: “Ci sono delle imbarcazioni che sversano in mare, per favore venite a prenderli“. La Capitaneria di Porto, dopo aver chiesto le generalità, ha inviato immediatamente sul posto un gommone della Guardia Costiera. “Sono arrivati velocemente – ha raccontato il ministro – hanno identificato i responsabili e proceduto con le sanzioni previste dalla legge”.

Qualcuno, descrive il quotidiano, ha riconosciuto il ministro in costume. “Ma lei non è il ministro dell’ambiente?” La risposta: “Sono un cittadino che non ha girato la testa dall’altro lato. Perche questo mare è anche dei nostri figli”.