sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Inquinamento, sequestrata l’azienda “Caffaro” di Brescia

Secondo la Procura l’inquinamento continua ancora, con livelli di cromo esavalente e mercurio superiori ai limiti stabiliti. Il ministro Sergio Costa: “Finalmente si scrive una nuova pagina per il territorio”

La Procura di Brescia ha disposto questa mattina il sequestro della Caffaro, azienda chimica storica della città, a causa di un inquinamento continuo e ancora in atto, con valori di cromo e mercurio al di sopra dei limiti di legge. L’industria iniziò a produrre composti di cloro-soda nel 1906, ma non ha mai smesso di liberare nel terreno sostanze inquinanti, neanche dopo esser stata considerata come Sin (Sito di Interesse Nazionale). Il Procuratore capo di Brescia Francesco Prete ha definito l’azienda un “carcinoma nel centro della città, che va estirpato”.

Secondo Silvio Bonfigli, procuratore aggiunto, “C’è un aggravamento della situazione in atto. Mentre noi parliamo, il cromo esavalente percola. Abbiamo visto il mercurio che galleggia sul suolo. La situazione è inquietante e bisogna intervenire per mettere in sicurezza la falda. Immediatamente. Poi si discuterà della bonifica”. Per ora è stato nominato un custode giudiziario che dovrà garantire il mantenimento attivo della barriera idraulica che impedisce ai veleni di raggiungere la falda cittadina.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sergio Costa (@sergiocosta.min)

Non si è fatto attendere il commento del ministro dell’Ambiente Sergio Costa, che sui suoi profili social scrive: “Il territorio chiede giustizia da oltre vent’anni e finalmente si sta scrivendo una pagina nuova. Ricordo come fosse ieri il 20 novembre 2018, quando trascorsi un pomeriggio intero con i comitati, le cittadine e i cittadini bresciani. Mi portarono cartelle cliniche, indagini, risultanze di analisi delle matrici ambientali. Da allora abbiamo attivato una vera e propria manovra a tenaglia sul Sin, lavorando insieme con gli organi di controllo e le istituzioni locali. Il Ministero dell’Ambiente non è arretrato mai. Ad agosto, con un decreto a mia firma, ho diffidato le società a svuotare cisterne e a smaltire i rifiuti cancerogeni stipati nel sito: cromo esavalente, mercurio, Pcb, diossine che hanno inquinato suolo, sottosuolo e acque sotterranee. A gennaio un’altra diffida, questa volta per le barriere idrauliche. Nel frattempo abbiamo lavorato senza sosta per il progetto di bonifica, da oltre vent’anni atteso a Brescia”.

Leggi anche: Basta veleni di Rosy Battaglia

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto