mercoledì 27 Gennaio 2021

Lanciato il nuovo satellite di Copernicus per monitorare l’innalzamento dei mari

Sentinel-6 mapperà ogni 10 giorni il 95% degli oceani e fornirà importanti informazioni per studiare gli effetti del cambiamento climaticoIl razzo Falcon 9 si è alzato dalla base aerea Vandenberg Air Force in California, USA, alle 18:17 (17:17 GMT, 09:17 ora locale) del 21 novembre. A bordo, portava il satellite Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich, del peso di 1.2 tonnellate, che è stato rilasciato in orbita meno di un’ora dopo il decollo. Il contatto con la stazione di terra in Alaska è stato stabilito alle 19:49. Utilizzando la più recente tecnologia di altimetria radar, questo nuovo satellite è pensato per fornire una nuova panoramica sulla topografia degli oceani e proseguire le registrazioni di lunga data delle misurazioni dell’altezza della superficie del mare cominciate nel 1992 – misurazioni che sono fondamentali per la scienza del clima, per gli organi decisionali e, infine, per proteggere le vite di milioni di persone a rischio a causa dell’innalzamento del livello del mare. La missione di Copernicus Sentinel-6 sarà mappare ogni 10 giorni il 95% degli oceani della Terra liberi da ghiaccio e fornire importanti informazioni per studi sull’oceanografia operativa.

Il Direttore ESA dei Programmi di Osservazione della Terra, Josef Aschbacher, ha commentato: “Sono estremamente orgoglioso di aver visto Copernicus Sentinel-6 lanciato questa sera e sapere che è sulla buona strada per iniziare la sua missione e continuare le misurazioni del livello del mare così importanti per comprendere e monitorare i preoccupanti andamenti dell’innalzamento dei mari. Desidero ringraziare non solo i team ESA che hanno lavorato intensamente per arrivare a questo punto, ma anche la CE, Eumetsat, NASA, NOAA e CNES e, ovviamente, saremo lieti di instaurare ulteriori proficue collaborazioni tra le nostre rispettive organizzazioni”.

Con milioni di persone che vivono nelle comunità costiere in tutto il mondo, l’innalzamento dei mari è in testa alla lista delle principali preoccupazioni legate al cambiamento climatico. Monitorare l’altezza della superficie del mare è fondamentale per comprendere le variazioni in corso e fornire agli organi decisionali gli elementi per attuare le politiche appropriate per aiutare a frenare il cambiamento climatico, e per le autorità per prendere provvedimenti e proteggere le comunità vulnerabili.

Negli ultimi trent’anni, la serie di missioni franco-statunitensi Topex-Poseidon e Jason sono servite come missioni di riferimento e, in combinazione con i precedenti satelliti dell’ESA ERS e Envisat e gli attuali Cryosat e Copernicus Sentinel-3, hanno dimostrato come il livello del mare sia aumentato di circa 3.2 mm in media all’anno. Cosa ancora più preoccupante, il tasso di aumento sta accelerando; negli ultimi anni il tasso medio di crescita è stato di 4.8 mm l’anno.

Ora che è in orbita, Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich raccoglierà presto il testimone per estendere questo insieme di dati – che è considerato ‘lo standard di riferimento’ per gli studi climatici. Ma Sentinel-6 è solo il primo di due satelliti identici che saranno lanciati in sequenza per completare la missione: tra cinque anni infatti, sarà lanciato Copernicus Sentinel-6B. La missione nel complesso garantirà la continuità di dati fino almeno al 2030.

Per garantire che la serie temporale di dati sia continua nonostante la diversa tecnologia degli strumenti, Sentinel-6 Michael Freilich passerà il suo primo anno in orbita volando 30 secondi dietro a Jason-3, orbitando a un’altezza di oltre 1.300 km e raggiungendo la posizione 66°N and 66°S.

Il Direttore Generale di Eumetsat (che elabora i dati e fornisce i servizi di prodotti dati agli utenti in Europa) Alain Ratier, ha commentato: “I dati ottenuti da Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich saranno i più accurati a oggi e saranno utilizzati per ottenere una conoscenza più approfondita dell’innalzamento del livello del mare, un indicatore chiave del cambiamento climatico. I dati saranno impiegati inoltre per le previsioni meteorologiche, dal migliorare la precisione delle previsioni stagionali al prevedere i percorsi di uragani e cicloni”.

“Mike Freilich ha contribuito a garantire che la NASA fosse un partner costante con scienziati e agenzie spaziali in tutto il mondo, e il suo amore per l’oceanografia e le scienze della Terra ci ha aiutato a migliorare la comprensione del nostro bellissimo pianeta”, ha detto Thomas Zurbuchen, Amministratore Associato della NASA a Washington. “Questo satellite, a cui è stato così gentilmente dato il suo nome dai nostri partner europei, svolgerà il lavoro critico in cui Mike credeva fermamente, aggiungendo un’eredità di dati cruciali sui nostri oceani e rappresentando un investimento a beneficio delle generazioni future”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente