venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall’Ue per il 2030

Lo stop ai sussidi per gli oli di palma e di soia per usi energetici si avvicina; l’Italia potrebbe essere il terzo Paese europeo a fermarli prima del 2030. È passato, infatti, ieri al Senato l’emendamento alla proposta di “Legge di delegazione europea” che accelera la fine degli usi energetici dei due oli alimentari (palma e soia), causa primaria di deforestazione nel mondo. Se la proposta passerà alla Camera, l’olio di palma, di soia e i loro derivati, in Italia, saranno esclusi dal conteggio delle energie rinnovabili e dai sussidi di mercato oggi previsti dalla legge, a partire dal 1 gennaio 2023.

Nella nuova direttiva sulle energie rinnovabili, l’Ue ne impone la fine prima del 2030, ma gli Stati membri possono anticiparla. In Francia, l’esclusione avverrà dal 1 gennaio 2020; in Norvegia dal 2021. Un’occasione da non perdere, secondo Legambiente, ma che la soddisfa solo in parte. La battaglia sui tempi della fine dei sussidi all’olio di palma è, infatti, aperta da tempo e Legambiente chiede da un anno di cessare i sussidi dal 1 gennaio 2021, anche attraverso la petizione #unpienodipalle che ha raccolto 65 mila firme. L’Eni, dopo essere stata condannata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a gennaio 2020, ha promesso di eliminare l’olio di palma dal proprio biodiesel Enidiesel+ entro il 2023.

“Il 2023 – commenta Andrea Poggio, responsabile mobilità di Legambiente – sembra essere la mediazione possibile tra gli interessi di petrolieri e lobbisti nella lotta alla deforestazione e alle emissioni climalteranti. Una mediazione che ci soddisfa solo in parte, perché sovvenzioneremo ancora per due anni la combustione di olio di palma e di soia a spese dei cittadini. Secondo le nostre stime sui report del Gestore dei Servizi Energetici, parliamo di quasi un miliardo di euro all’anno pagato dalle famiglie attraverso le bollette elettriche e l’acquisto di carburante. Alla luce delle ricerche commissionate dalla Commissione Europea, la combustione di olio di palma e di soia comporta emissioni di CO2 doppie o triple rispetto a quella del gasolio fossile. Ecco perché è sbagliato usare e sovvenzionare l’uso di alimenti per produrre energia, specie se prodotti in piantagioni che hanno sostituito foreste e torbiere nel mondo”.

Alla Camera dei deputati già è pronta la pattuglia “stop palmoil” con la promotrice, l’ambientalista onorevole Rossella Muroni, che dichiara: “L’approvazione dell’emendamento che esclude dal primo gennaio 2023 l’olio di palma e di soia dal conteggio delle energie rinnovabili e dai relativi sussidi è una buona notizia per l’ambiente, per la quale ringrazio i colleghi del gruppo informale di ‘parlamentari stop palm oil’ che al Senato hanno sposato questa battaglia a tutela di clima, oranghi, biodiversità e contadini indonesiani sfruttati. Alla Camera proveremo ad anticipare questo cambiamento a partire dal 2021”.

“Un altro passo in avanti per salvare dalla devastazione i grandi polmoni verdi della terra: in Aula è stato approvato il nostro emendamento – si esprime così la senatrice Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto – volto ad escludere, dal 1° gennaio 2023, dagli obblighi di miscelazione al combustibile diesel e dalla produzione elettrica rinnovabile, così come dal relativo conteggio delle fonti rinnovabili e dai sussidi di mercato (CIC, ex CV o TO), l’olio di palma, fasci di frutti vuoti, acidi grassi derivanti dal trattamento dei frutti di palma da olio (PFAD) e, ancora, l’olio di soia e acidi grassi derivanti dal trattamento della soia di importazione”. E incalza:“In realtà, noi avevamo chiesto lo stop dei sussidi all’olio di palma nei biocarcuranti e biocombustibili già dal primo gennaio del 2021.”

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto