martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Secondo Youth Climate Meeting: spazio ai giovani per affrontare la crisi climatica

di SERENA CARPENTIERI, Vicedirettrice di Legambiente e
MATTIA LOLLI, Responsabile volontariato di Legambiente

Più che un’assemblea, il secondo Youth Climate Meeting di Legambiente è stato un gigantesco laboratorio di idee a cielo aperto.  150 giovanissimi volontarie e volontari arrivati da tutta Italia con il desiderio di confrontarsi, formarsi, discutere idee e proposte per fronteggiare la crisi climatica, per rinnovare e rendere più incisiva la mobilitazione e per affinare la nuova strategia per ampliare il coinvolgimento e la partecipazione di altri giovani al nostro movimento.

È stata una bella sfida organizzativa poter realizzare, in carne e ossa, un’assemblea che prepariamo da mesi. E siamo molto contenti di esserci riusciti, nel pieno rispetto delle normative anti Covid e grazie alla rigorosa responsabilità di tutti i giovani che hanno partecipato. Il distanziamento sociale non ha per nulla scalfito l’energia, la passione, la determinazione (e neanche il divertimento!).

Abbiamo trattato temi complessi e cruciali come l’emergenza climatica e la decarbonizzazione, analizzando scenari, priorità politiche, strumenti e alleanze, anche grazie alla presenza di attivisti dei Fridays for Future. Ma, soprattutto, abbiamo dato vita a un percorso di costruzione collettiva di nuove proposte, grazie a 22 gruppi di lavoro e modalità di confronto orizzontali, non frontali e partecipative. Un lavoro avviato con Volontari per Natura, il progetto di citizen science tutto dedicato agli under 35 e poi proseguito, grazie al nostro Coordinamento nazionale Giovani, al Congresso Nazionale di Legambiente dove l’associazione ha accolto il tema dell’ampliamento della partecipazione e del protagonismo dei giovani come una delle 5 sfide programmatiche su cui stiamo lavorando e lavoreremo nei prossimi anni.

Tra i temi discussi c’è stato anche il coinvolgimento dei cittadini, in particolare giovani, su progetti di economia civile e circolare in attività proposte all’interno dei Ri-Hub, poli territoriali istituiti da Legambiente in 16 territori da nord a sud del Paese grazie al progetto ECCO – Economie Circolari di Comunità.

Una grande soddisfazione iniziare a vedere i primi risultati. Nel primo Youth Climate Meeting che organizzammo a giugno 2019, grazie ai nostri giovani attivisti abbiamo strutturato la nostra nuova campagna contro la crisi climatica, Change Climate Change.  Si sono riuniti decine di gruppi giovani a livello regionale, è nato il Coordinamento nazionale Giovani, abbiamo dato il benvenuto a nuovi circoli universitari, abbiamo messo le basi per rafforzare l’associazione, il volontariato, la nostra mobilitazione sul campo. E oggi, dopo questa fantastica 3 giorni, siamo pronti a presentare alla prossima Assemblea di tutti i Circoli di Legambiente le proposte emerse e un piano per offrire nuove opportunità di partecipazione a chi vorrà impegnarsi attivamente al nostro fianco.
Dobbiamo ringraziare i giovani e un inedito movimento internazionale se oggi la principale emergenza ambientale globale, quella dei mutamenti climatici, è uscita dalla nicchia e ha avviato un profondo processo di sensibilizzazione e consapevolezza. Abbiamo sempre nutrito la speranza che i giovani salveranno il mondo. Oggi, a due anni dall’inizio di questo percorso con i giovani di Legambiente, abbiamo l’orgoglio e la convinzione che il contributo che queste nuove energie è sempre più essenziale e strategico, oggi e domani.
Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto