venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Se riparte la scuola riparte il paese

La scuola è la grande protagonista della ripartenza in autunno del Paese. Sarà un banco di prova della nostra capacità di tenere assieme sicurezza sanitaria e restituzione di qualità e un’importante infrastruttura per la tenuta della coesione sociale. Nel momento in cui con la pandemia ne abbiamo capito l’importanza, abbiamo anche colto limiti e potenzialità al centro ora di un dibattito ricco di spunti. Molti di questi, che approfondiamo e rilanciamo nella storia di copertina di questa rivista, probabilmente sono destinati a trasformarsi in mobilitazioni nelle prossime settimane.

Vanessa Pallucchi, vicepresidente Legambiente

La didattica a distanza ha fatto emergere le tante differenze che convivono nella scuola italiana: quella individuale, quella dell’origine familiare, quella territoriale. Queste differenze hanno generato disuguaglianze, andando nell’opposta direzione di quanto indicato nella Costituzione al principio di offrire pari opportunità ai cittadini, che è anche l’obiettivo ultimo verso il quale dobbiamo rigenerare il sistema scolastico ed educativo più in generale. Il problema degli investimenti non è solo economico e quantitativo, ma profondamente di merito qualitativo e va risolto cercando una risposta a una domanda mai formulata: “a quale modello di Paese si deve ispirare la nostra scuola?”. I mesi scorsi sono stati fucina di molte discussioni e riflessioni fra le tante componenti della società civile con la costruzione di piattaforme e reti ampie e trasversali. C’è stata anche la presa di coscienza della centralità del territorio e delle comunità per costruire un sistema educativo di prossimità, che al centro abbia dei patti di corresponsabilità, che chiamano fortemente in causa tutto il mondo del terzo settore. Ma questo non basta, se manca una regia nazionale da parte del governo.

La sfida in campo a breve termine è restituire tempi e spazi educativi e sociali ai quasi dieci milioni di minori che per troppo tempo ne sono stati privati. Ma la sfida a lungo termine è innalzare il livello civico e culturale dei cittadini, affinché abbiano le coordinate per orientarsi in un mondo sempre più complesso e incerto, dove l’antiscientismo e il negazionismo devono lasciare il posto a prese di coscienza e scelte responsabili.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Vanessa Pallucchihttps://www.lanuovaecologia.it
Presidente nazionale di Legambiente Scuola e Formazione e vicepresidente nazionale di Legambiente

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto