martedì 11 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Se gli occhiali sono fatti di fichi d’India

Occhiali di fichi d'India

La moda sostenibile, sempre più in voga in questi anni, ha delle caratteristiche ben precise: pezzi fatti a mano, produzione locale, design originale, utilizzo di materiali naturali, zero rifiuti, benessere degli animali e, soprattutto, considerazione dell’intero ciclo di vita del prodotto. Se poi aggiungiamo un legame forte con il territorio, il cerchio è chiuso perfettamente.
Dal Salento, o sarebbe meglio dire dai fichi d’India e dal legno d’ulivo del Salento, Ferilli Eyewear realizza occhiali alla moda 100% green. Il processo di lavorazione inizia con la disidratazione della palma di fico d’India, Sikalindi in lingua grika (il dialetto sempre più raro che resiste in poche zone della Puglia, ndr), e con la creazione di una lastra compatta. La diversità della fibra ottenuta in questa lastra, da cui viene intagliato ogni singolo paio di occhiali, rende ogni pezzo unico ed esclusivo, qualità tipiche dei prodotti artigianali. Per finire, le aste sono realizzate in legno d’ulivo e le lenti colorate diversamente in base al modello di riferimento: Otranto, San Gregorio e Porto Miggiano.
«Tutto è iniziato da una mia passione per gli occhiali, poi la mia curiosità e il mio amore per la natura mi hanno fatto incontrare questo affascinante e innovativo materiale ecosostenibile nato nel cuore della mia terra – dice l’imprenditore Cristiano Ferilli, laureato in Ortottica e assistenza oftalmologica – Non ho aspettative sul progetto, così che tutto sia sempre una sorpresa. Ciò che ritengo importante è lavorare con passione e divertirmi nel farlo».
L’intero processo produttivo non prevede sostanze inquinanti, per questo il metodo brevettato si è aggiudicato nel 2003 l’Oscar Green. Il prossimo maggio, inoltre, Ferilli Eyewear, nella cornice della kermesse “Les throphées de l’optique” a Monaco, parteciperà al premio “Miglior occhiale ecologico 2019”.l

Articoli correlati

Biciclette o ciclabilità? Una riflessione sul “bonus bici”

Il click day, le code davanti ai negozi e il collasso della filiera produttiva della bicicletta: una facile fotografia del bonus Mobilità 2020. Tra luci e ombre pur sempre il maggiore incentivo all’acquisto di biciclette mai attivato in Italia

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Clima, le ondate di calore marine devastano gli ecosistemi

La "febbre" sta affliggendo gli oceani e il cambiamento climatico la sta peggiorando. Gli scienziati studiano per prevedere quando colpiranno

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Biciclette o ciclabilità? Una riflessione sul “bonus bici”

Il click day, le code davanti ai negozi e il collasso della filiera produttiva della bicicletta: una facile fotografia del bonus Mobilità 2020. Tra luci e ombre pur sempre il maggiore incentivo all’acquisto di biciclette mai attivato in Italia

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Cave, in Italia 29 milioni di metri cubi di sabbia e ghiaia estratti all’anno

Sono 4.168 le autorizzate, 14.141 le dismesse o abbandonate. L'appello di Legambiente: “Ridurre il prelievo da cave accelerando nella direzione dell’economia circolare”. Oggi alle 15 in diretta streaming la presentazione del dossier Rapporto Cave 2021

Quando le auto elettriche costeranno meno?

Il report di Bloomberg New Energy Finance e Transport & Environment mostra come passare al 100% elettrico per auto e furgoni nuovi tra il 2030 e il 2035 è fattibile in tutti i Paesi dell'UE: tutto dipende dalle scelte che farà la politica

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"
Ridimensiona font
Contrasto