sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Scuola, mare e biodiversità a bordo di Goletta Catholica

La storica imbarcazione di Goletta verde si prepara a diventare un centro didattico, di ricerca e cultura, per far esplorare il territorio ai ragazzi più giovani sviluppando al contempo un sistema di raccolta e condivisione di dati scientifici

Il Parco Veneto del Delta del Po ha presentato l’11 febbraio scorso a Porto Viro, presso il Centro Visitatori del Parco Veneto del Delta del Po, lo stato di avanzamento dei valori del progetto per fare di Goletta Catholica un HUB scientifico, culturale, ecologico e sostenibile. Si sta tracciando, infatti, la prima rotta di Goletta Catholica, l’imbarcazione che per anni ha partecipato alle campagne di Goletta Verde e che ora l’Ente mette a disposizione del territorio, delle Scuole, delle Formazione e della Ricerca Scientifica, grazie alle sinergie con la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, la Regione Veneto, il Ministero dell’Ambiente e Legambiente. Nei prossimi mesi Catholica terminerà il suo restauro presso il cantiere “Artenautica” di Loreo e sarà “armata” con un’aula didattica e un laboratorio scientifico, allestimenti che all’occorrenza potranno far posto a gruppi di escursionisti. L’obiettivo, infatti, è quello di realizzare un mezzo sostenibile e accessibile, utile a svolgere più attività, comprese quelle legate alla valorizzazione e alla promozione del fiume Po, del suo Delta e delle sue eccellenze.

La storia di Catholica

La Goletta Catholica, che deve il nome alla città d’origine dei suoi armatori, è stata realizzata nel 1936. Nata come barca da lavoro, poi divenuta peschereccio, durante la II Guerra Mondiale viene sequestrata dai Tedeschi che la utilizzano per il trasporto di munizioni sulle coste jugoslave, per poi abbandonarla. Rintracciata e ricondotta in Italia, nel 1990 Catholica va in disarmo e viene portata a Rimini per la demolizione. Qui però viene acquistata e ristrutturata grazie a un progetto sociale per il recupero di tossicodipendenti. Rilevata infine da Legambiente, l’imbarcazione continua l’impegno nel terzo settore e dal 1993 è protagonista delle campagne estive di Goletta Verde dell’associazione ambientalista. Lo scafo di legno di quercia, gli alberi di douglass e le vele conferiscono a Catholica un aspetto affascinante. Le grandi dimensioni – 24 metri di lunghezza, 5 metri di larghezza e una velatura di 233 metri quadrati – la rendono imponente. Una vera signora del mare che cattura lo sguardo e anche per questo il Parco del Delta del Po l’ha scelta oggi come ambasciatrice di una politica di rispetto dei valori ambientali di biodiversità, sostenibilità e cultura. Goletta Catholica sarà, infatti, utilizzata nell’ambito di diversi progetti che si alterneranno. I primi a salire a bordo saranno gli studenti delle Scuole del territorio e del Veneto che grazie alla “Scuola di Mare e Biodiversità a bordo di Goletta Verde” potranno svolgere diverse attività: dal corso di marineria al monitoraggio ambientale, dall’esplorazione del territorio all’orienteering, dalla storia dei popoli dell’acqua all’impatto della globalizzazione sull’ambiente e sul clima.

Da scuola a centro di ricerca

Il testimone passerà poi agli studenti universitari che parteciperanno alle attività
dell’“Osservatorio ambientale del Delta del Po – Riserva della Biosfera MaB UNESCO”.
L’Ente Parco Delta del Po da anni ha attivato risorse e collaborazioni per la creazione di un centro di ricerca unico che possa mettere a disposizione della comunità, degli studiosi e di tecnici e ricercatori la maggior parte dei dati ambientali raccolti e sviluppare, al contempo, un sistema di validazione e condivisione. Tale sistema, attualmente attivo ed in corso di implementazione, ha preso spunto da un finanziamento della FONDAZIONE CARIPARO, nell’ambito della candidatura a Riserva di Biosfera MAB UNESCO del Delta del Po, per poi integrarsi con progetti internazionali sviluppati dall’Ente Parco. L’ampliamento dell’Osservatorio ambientale a soggetti pubblici e privati, come previsto dal Piano di Azione della Riserva di Biosfera MAB UNESCO, riveste notevole importanza. L’obiettivo è creare un’integrazione delle conoscenze ambientali dell’area del Delta del Po, ma anche una governance delle ricerche e degli attori che porterà a una ottimizzazione delle risorse impegnate e la certificazione dei dati raccolti. Nell’ambito dei monitoraggi Goletta Catholica avrà un ruolo anche nelle attività che il Parco del Delta del Po svolgerà con l’Agenzia Regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto (Arpav), e nelle attività del Dipartimenti di Biomedicina Comparata e Alimentazione (BCA) dell’Università di Padova impegnati nel monitoraggio di cetacei e tartarughe marine, in particolare il tursiope (Tursiops truncatus) e la tartaruga marina comune (Caretta caretta). L’area dell’Adriatico settentrionale, infatti, è stata indicata per istituire un Sito di Interesse Comunitario (SIC), come dimostrano i risultati del progetto transfrontaliero della linea IPA Adriatic dal titolo “Network for the Conservation of Cetaceans and Sea Turtles in the Adriatic (NETCET)” finanziato dalla Commissione Europea. E sarà proprio il Parco Veneto del Delta del Po a gestire il nuovo SIC in collaborazione con altri partner.

La campagna social “Io c’ero”

L’incontro di oggi è stato occasione per presentare contestualmente la campagna social “Io c’ero”, parte integrante del progetto, che nei prossimi mesi coinvolgerà quanti sono saliti a bordo dell’imbarcazione o ne hanno incrociato il percorso nei suoi 25 anni di navigazione con Goletta Verde. L’iniziativa punta a far conoscere i temi, le battaglie e gli episodi-simbolo che hanno visto Catholica protagonista della campagna estiva di Legambiente, in difesa del mare e del territorio costiero italiano: durante la conferenza stampa sono stati presentati i primi video-contributi di Rossella Muroni, vicepresidente della Commissione Ambiente alla Camera dei deputati e già presidente di Legambiente, e di Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente. Questi e altri contributi, come la testimonianza di Marco Tibiletti, storico comandante di Catholica e del comico e autore Dario Vergassola, saranno visibili sui social del Parco e di Goletta Verde nei prossimi giorni. Il coinvolgimento delle scuole del territorio partirà nei prossimi giorni con il lancio di diverse attività tra cui un contest per individuare il volto di “Capitan Eridano e la sua Donzella”, la mascotte del progetto “A scuola di Mare e Biodiversità a bordo di Goletta Verde” possibile grazie al sostegno della Fondazione CARIPARO, un appello alla partecipazione al concorso internazionale THE WATER WE WANT lanciato dalla rete mondiale dei musei dell’Acqua UNESCO (WAMU-NET) di cui il Delta fa parte, e la distribuzione di materiale didattico sulla biodiversità.

Viste tutte queste attività che impegneranno l’Ente Parco e il territorio del Delta del Po nei prossimi anni, appare chiaro il perché questa rete di soggetti abbia scelto di investire su Goletta Catholica assegnandole non solo il ruolo di contenitore, ma anche quello fortemente simbolico di mezzo di comunicazione capace di esprimere con immediatezza i valori di sostenibilità ed equilibrio con la natura e soprattutto con l’acqua.

La conferenza stampa è stata trasmessa sulla pagina Facebook ufficiale del Parco @EnteParcoRegionaleVenetoDelDeltaDelPo e sulla pagina Facebook di Goletta Verde, ed erano presenti anche i rappresentanti di Legambiente Veneto e del territorio.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto