martedì 19 Gennaio 2021

Scuola, nel nuovo anno nessuno dovrà rimanere più indietro

A causa della pandemia in Italia sono stati quasi 10 milioni gli studenti che hanno terminato lo scorso anno scolastico con la didattica a distanza. E 70mila quelli disabili rimasti isolati. Disparità e disuguaglianze che non dovranno ripetersi

Il 2020 verrà ricordato, fra le tante cose accadute, anche per essere stato l’anno in cui a più di 1,5 miliardi i bambini e ragazzi di 190 Paesi è stata preclusa la scuola in presenza, con ricadute sociali ed educative considerate fra le più gravi conseguenze della pandemia. Solo in Italia sono stati quasi 10 milioni gli studenti che hanno terminato lo scorso anno scolastico con la didattica a distanza senza tornare a scuola. Ma c’è stato anche chi, come 70mila studenti fra quelli disabili, per vari motivi non ha potuto accedere nemmeno a questa modalità di relazione con la propria classe e i propri insegnanti, rimanendo isolato.

Vanessa Pallucchi, vicepresidente nazionale di Legambiente e presidente di Legambiente Scuola e Formazione

L’istituzione scolastica ha cercato di arrivare a fornire condizioni e strumenti per garantire a tutti il diritto a istruirsi, ma non ha potuto superare quelle disuguaglianze di origine famigliare, di condizione personale e di infrastrutturazione territoriale che già da tempo la scuola non riesce più a colmare. Contraddizioni, tagli dannosi, mancati investimenti, lentezza nell’innovazione, perdita della visione del ruolo sociale della scuola stessa sono emersi in maniera definita, mettendo in risalto quello che non va e che rende una infrastruttura strategica come quella scolastica visibilmente debole rispetto al grande compito educativo di saper attrezzare le giovani generazioni, e le persone più in generale, ad affrontare un’epoca di transizione, cambiamento e incertezza.

Dentro a tutto il dibattito suscitato lungo il 2020 su questo tema, sono due le consapevolezze principali che ci indicano una via di lavoro e impegno intorno a cui coagulare le risorse della ripartenza come quelle del Next generation EU. La prima è una scelta definitiva verso una transizione ecologica della società, che fa riferimento a un modello educativo che sia integrato fra i soggetti che educano, in primis la scuola, cooperativo nella didattica e che veda l’interconnessione dei saperi. La seconda è che nessuno può e deve rimanere indietro perché questo cambiamento ci sia e ognuno ne sia pienamente protagonista. E affinché ciò avvenga va garantita a tutti l’opportunità di capire e di partecipare.

 

>> Leggi lo speciale 2020, un anno di ambiente

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Vanessa Pallucchihttps://www.lanuovaecologia.it
Presidente nazionale di Legambiente Scuola e Formazione e vicepresidente nazionale di Legambiente

Articoli correlati

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Incendi in Australia, minacciati gli habitat di 191 specie animali

Tra queste, 49 ne hanno perso più dell'80%. Tra giugno 2019 e febbraio 2020 in totale più di 15mila roghi. Wwf lancia l'iniziativa “Regenerate Australia” per il recupero della fauna selvatica

Mobilità urbana, nel 2020 +84,5% di veicoli a due ruote elettrici venduti

Superati per la prima volta i 10mila veicoli immatricolati. Sale la disponibilità media di piste ciclabili, per i motocicli in calo l'accesso alle corsie riservate ai mezzi pubblici. I dati del quinto rapporto dell’Osservatorio Focus2R promosso da Confindustria Ancma e Legambiente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia