venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Scuola, nel nuovo anno nessuno dovrà rimanere più indietro

A causa della pandemia in Italia sono stati quasi 10 milioni gli studenti che hanno terminato lo scorso anno scolastico con la didattica a distanza. E 70mila quelli disabili rimasti isolati. Disparità e disuguaglianze che non dovranno ripetersi

Il 2020 verrà ricordato, fra le tante cose accadute, anche per essere stato l’anno in cui a più di 1,5 miliardi i bambini e ragazzi di 190 Paesi è stata preclusa la scuola in presenza, con ricadute sociali ed educative considerate fra le più gravi conseguenze della pandemia. Solo in Italia sono stati quasi 10 milioni gli studenti che hanno terminato lo scorso anno scolastico con la didattica a distanza senza tornare a scuola. Ma c’è stato anche chi, come 70mila studenti fra quelli disabili, per vari motivi non ha potuto accedere nemmeno a questa modalità di relazione con la propria classe e i propri insegnanti, rimanendo isolato.

Vanessa Pallucchi, vicepresidente nazionale di Legambiente e presidente di Legambiente Scuola e Formazione

L’istituzione scolastica ha cercato di arrivare a fornire condizioni e strumenti per garantire a tutti il diritto a istruirsi, ma non ha potuto superare quelle disuguaglianze di origine famigliare, di condizione personale e di infrastrutturazione territoriale che già da tempo la scuola non riesce più a colmare. Contraddizioni, tagli dannosi, mancati investimenti, lentezza nell’innovazione, perdita della visione del ruolo sociale della scuola stessa sono emersi in maniera definita, mettendo in risalto quello che non va e che rende una infrastruttura strategica come quella scolastica visibilmente debole rispetto al grande compito educativo di saper attrezzare le giovani generazioni, e le persone più in generale, ad affrontare un’epoca di transizione, cambiamento e incertezza.

Dentro a tutto il dibattito suscitato lungo il 2020 su questo tema, sono due le consapevolezze principali che ci indicano una via di lavoro e impegno intorno a cui coagulare le risorse della ripartenza come quelle del Next generation EU. La prima è una scelta definitiva verso una transizione ecologica della società, che fa riferimento a un modello educativo che sia integrato fra i soggetti che educano, in primis la scuola, cooperativo nella didattica e che veda l’interconnessione dei saperi. La seconda è che nessuno può e deve rimanere indietro perché questo cambiamento ci sia e ognuno ne sia pienamente protagonista. E affinché ciò avvenga va garantita a tutti l’opportunità di capire e di partecipare.

 

>> Leggi lo speciale 2020, un anno di ambiente

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Vanessa Pallucchihttps://www.lanuovaecologia.it
Presidente nazionale di Legambiente Scuola e Formazione e vicepresidente nazionale di Legambiente

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto