domenica 24 Gennaio 2021

Scorie nucleari, a Rotondella rimosso monolite di 130 tonnellate

Rotondella

Eppur qualcosa si muove a Rotondella, provincia di Matera. La Sogin, società dello Stato responsabile del decommissioning degli impianti nucleari in Italia, ha effettuato l’estrazione definitiva di una struttura verticale di 130 tonnellate di massa e un volume di 54 metri cubi poi spostata in una fossa (nota come Fossa 7.1) di 6,5 metri di profondità. “Dopo anni di attesa e di pazienza da parte dei lucani siamo giunti a un’ avanzata fase nelle operazioni di messa in sicurezza , nella speranza che si arrivi quanto prima alla riconsegna dell’ intera area”. Così l’ assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa, che ha partecipato all’iniziativa organizzata da Sogin.

Il monolite, una massa di cemento armato contenente rifiuti radioattivi di circa 130 tonnellate e con un volume di 54 metri cubi, è stato estratto da una profondità di 6,5 metri. “All’ interno del monolite – ha ricordato l’ assessore – sono conservati fusti di tipo petrolifero da 220 litri , inglobati in malta cementizia, all’ interno di quattro pozzi. Oggi si è provveduto al sollevamento e all’ estrazione di quel blocco contenente materiali pericolosi”. I quattro pozzi rimossi sono stati trasferiti in massima sicurezza in un deposito del sito per il loro stoccaggio temporaneo. “Ora sarà possibile passare all’ ultima fase dei lavori, che – ha concluso Rosa – consentiranno di procedere alla bonifica e al rilascio dell’area della Fossa 7.1.

A Rotondella fra gli anni ’60 e ’70 fu realizzato uno dei tre impianti nazionali di ricerca sul ciclo dei combustibili nucleari. Oltre all’Eurex di Saluggia in provincia di Vercelli e all’Opec di Casaccia in provincia di Roma, a Rotondella fu costruito un impianto Itrec (impianto di trattamento e rifabbricazione elementi di combustibile).  Nel 2003, l’anno delle proteste di Scanzano Jonico a una manciata di chilometri da Rotondella contro la realizzazione del sito nazionale per la raccolta di rifiuti radioattivi, la Sogin ha assunto la gestione dell’impianto con l’obiettivo di realizzare il decommissioning, vale a dire l’allontanamento del combustibile nucleare, la decontaminazione e lo smantellamento delle strutture con la messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi.

Per Fontani  amministratore delegato di Sogin “siamo in una fase importante che è quella della validazione della Cnapi (Cassa nazionale delle aree potenzialmente idonee, ndr). Una volta che sarà validata, la procedura successiva sarà quella di renderla pubblica e poi di discussione con le popolazioni. Il deposito ad oggi è previsto al 2025. Facendo le corse si fa ancora in tempo”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia