venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Schermi in classe, dal 15 al 19 marzo il cinema entra nelle scuole

Parte la kermesse di Cinemovel e Libera dedicata a studenti, insegnanti e famiglie in vista della Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie del 21 marzo

Dal 15 al 19 marzo tornano a riaccendersi le luci su mymovies.it per la prima edizione di ‘Schermi in classe Festival’, la kermesse di Cinemovel e Libera dedicata alle scuole. Cinque storie che si misurano con il racconto dell’adolescenza e l’uso delle tecnologie, la brutalità della guerra, la vita nelle periferie delle grandi città italiane, la magia di mondi immaginari. Sono questi i temi e le atmosfere che danno vita alla prima edizione della manifestazione, il cui obiettivo è portare il cinema direttamente a studenti, insegnanti e famiglie nella settimana che condurrà al 21 marzo, “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie”, istituita dal Parlamento italiano con la legge n. 20/2017. Un momento di dialogo e riflessione per il pubblico della kermesse, a cui sarà riservata una sala virtuale da 3.000 posti dove poter guardare ogni mattina i film in streaming gratuito ed incontrare al termine della visione i registi, gli attori e gli autori delle opere proposte.

Il calendario dei film in programma

Il Festival prenderà il via lunedì 15 marzo con la proiezione di Selfie (2019) di Agostino Ferrente, David di Donatello come miglior documentario per il 2020. Un film in cui i giovani protagonisti Alessandro e Pietro si autofilmano nella loro quotidianità, cellulare alla mano e sguardo sempre in camera. Siamo nel rione Traiano di Napoli, zona ad alta densità camorrista, dove nel settembre 2014, a soli 16 anni, Davide Bifolco fu ucciso da un carabiniere che lo aveva scambiato per un latitante.

Il secondo appuntamento in programma martedì 16 marzo sarà ancora con un documentario. La visione del pluripremiato Alla mia piccola Sama (2019), regia di Waad Al-Khateab e EdwardWatts, porterà studenti e insegnanti tra la gioventù siriana nella città di Aleppo schiacciata dalla dittatura di Bashar Al–Assad e dal dramma della guerra civile.

Mercoledì 17 marzo, con La terra dell’abbastanza (2018) dei fratelli Damiano e Fabio D’Innocenzo, si torna in Italia, con una storia ambientata nella periferia di Roma. I protagonisti, Mirko e Manolo, sono due ragazzi tranquilli, la cui vita verrà sconvolta da un incidente notturno che li catapulterà nel mondo della criminalità capitolina.

Giovedì 18 marzo, in programma La nostra strada (2019) di Pierfrancesco Li Donni, il documentario che racconta la storia di quattro adolescenti di Palermo all’ultimo anno delle scuole medie, ormai destinati ad affacciarsi all’universo dell’adolescenza, tra emozioni ed incertezze.

Venerdì 19 marzo, con l’ultimo film in programma, si resta nel contesto siciliano con La famosa invasione degli orsi in Sicilia (2019), il film di animazione di Lorenzo Mattotti tratto da un romanzo di Dino Buzzati. La storia narra le vicende di un gruppo di orsi che, durante una fredda stagione invernale, per sopravvivere e non morire di stenti, sceglie di andare verso valle e invadere il Granducato di Sicilia.

“Combattere le mafie vuol dire anche nutrirsi di una cultura che sappia essere strumento di denuncia e di crescita civile. Le organizzazioni criminali hanno da sempre stretto un accordo con l’ignoranza e la superficialità. Le immagini in movimento rappresentano un linguaggio universale a disposizione del nostro impegno democratico. È un dovere del mondo della scuola educare gli studenti alle nuove forme di comunicazione” – Don Luigi Ciotti, presidente di Libera

Come assistere alle proiezioni

Le proiezioni sono aperte a tutti. Per assistere gratuitamente alla visione dei film in streaming sarà sufficiente collegarsi dal proprio computer, tablet o device all’indirizzo www.mymovies.it/iorestoacasa/sic, selezionare il film da vedere e prenotare uno dei 1.500 posti disponibili in ogni sala web. Gli insegnanti potranno vedere i film direttamente dall’aula o coordinarsi con gli studenti per seguire il film ognuno dalla propria abitazione. Per ogni film è disponibile sul sito di Schermi in Classe un kit didattico comprensivo di proposte per attività da realizzare prima e dopo la visione – www.cinemovel.tv/sic/festival.

La piattaforma MYmoviesLIVE simula fedelmente la visione di un film al cinema, i posti assegnati sono limitati e numerati. Al termine della visione il regista, l’autore, gli attori, in collegamento video, incontreranno il pubblico, rispondendo a commenti e domande, edialogando con gli spettatori. Un’ulteriore opportunità per studenti, insegnanti e famiglie che arricchisce l’esperienza della visione costruendo un ponte virtuale con l’autore del film.

Don Luigi Ciotti: “Combattere le mafie vuol dire nutrirsi di cultura”

“Combattere le mafie – dichiara il presidente di Libera don Luigi Ciotti – vuol dire anche nutrirsi di una cultura che sappia essere strumento di denuncia e di crescita civile. Le organizzazioni criminali hanno da sempre stretto un accordo con l’ignoranza e la superficialità. Le immagini in movimento rappresentano un linguaggio universale a disposizione del nostro impegno democratico. È un dovere del mondo della scuola educare gli studenti alle nuove forme di comunicazione”.

“Questa XXVI Giornata della memoria e dell’impegno vuole mettere al centro il valore della cultura come strumento di trasformazione della nostra realtà, crescita e emancipazione delle persone. La cultura muove le coscienze, le risveglia dal torpore nel quale spesso si adagiano. Muove responsabilità e partecipazione civile, aiutando a comprendere il mondo e a trovare il proprio senso di vivere e di essere cittadini – aggiunge Michele Gagliardo, referente nazionale Formazione di Libera – Per questo, nella lotta alle mafie è strumento fondamentale. In questa direzione l’occasione che ci viene offerta dalla storica collaborazione con Cinemovel è una grande opportunità. Cinque film per riflettere sulle difficoltà che attraversano la vita di numerose persone, collocarle nella relazione con una realtà sociale fin troppo diseguale e indifferente, per trovare un orizzonte concreto di impegno per il cambiamento”.

“Documentari, film d’animazione e giovane cinema d’autore. L’ampia offerta culturale di questo Festival non si limiterà alla semplice visione del film» – racconta Elisabetta Antognoni, presidente di Cinemovel – ma permetterà ai 3.000 studenti che si accomoderanno nella sala virtuale di avere un momento di scambio e di riflessione con i protagonisti delle opere scelte e di avvicinarsi alla data del 21 marzo in maniera consapevole e non puramente celebrativa”.

“Quella con Cinemovel è una collaborazione ormai storica, basata su comuni principi e solidi ideali – aggiunge Gianluca Guzzo founder e ceo di Mymovies.it – Quest’anno siamo ancora più uniti in una ricca, decisa e necessaria proposta di opere filmiche”.

Schermi in classe, l’attività formativa

Nell’edizione 2020/2021 ‘Schermi’ in Classe coinvolge 1500 studenti da tutta Italia. Attraverso una piattaforma online i ragazzi e le ragazze si confrontano a distanza sui temi affrontati dai film e, più in generale, sul loro immaginario legato alla rappresentazione delle mafie nel sistema mediatico nazionale e internazionale. Ogni studente realizza una ricerca online su un contenuto multimediale che vorrebbe far vedere agli altri. Nel farlo, risponde ad alcune domande, creando un testo guida che presenta il suo punto di vista all’interno della piattaforma. In questo anno scolastico, quindi, la visione del film rappresenta il termine di un percorso e l’inizio di un nuovo viaggio. Gli insegnanti coinvolti porteranno avanti attività didattiche in autonomia per approfondire le tematiche dei film. I referenti di Cinemovel seguiranno a distanza le classi per confrontarsi sui temi al centro del progetto, in un momento in cui nuove forme della didattica si stanno intrecciando con quelle tradizionali. La narrazione multimediale collettiva generata dal progetto darà forma a una campagna di comunicazione sociale rivolta al web.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto