sabato 5 Dicembre 2020

San Ferdinando brucia ancora, morte nelle terre del caporalato

San Ferdinando

Un giovane senegalese di 29 anni, Moussa Ba, ha perso la vita nel rogo che ha colpito le baracche del ghetto di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria la notte scorsa, coinvolgendo una ventina di baracche. 

Le fiamme potrebbero essere scaturite da uno dei tanti fuochi accesi dai migranti per riscaldarsi: una scintilla avrebbe provocato le fiamme che poi si sono rapidamente propagate tra le abitazioni di fortuna fatte di materiale infiammabile come legno e plastica.

C’è tensione tra i migranti che vivono nella baraccopoli dopo l’ennesimo incendio che ha provocato una vittima. I migranti da tempo chiedono soluzioni abitative alternative che superino l’emergenza della baraccopoli.

L’identificazione della salma di Moussa Ba è avvenuta in mattinata, dopo che nel corso della notte, gli stessi migranti avevano indicato la vittima come Aldo Diallo. L’equivoco è nato perché Diallo mancava all’appello. Il ragazzo viveva in una piccola roulotte all’interno del campo di San Ferdinato: le fiamme sono divampate in una baracca a poca distanza, ma si sono rapidamente propagate cogliendolo nel sonno.

Salgono a tre le persone decedute a San Ferdinando nell’ultimo anno. Il 27 gennaio 2018, sempre in un incendio (ma doloso), era scomparsa la 26enne nigeriana Becky Moses. Il 2 dicembre 2018 è deceduto Surawa Jaithe, del Gambia, nemmeno 18enne.

 

Aggiornato il 16 febbraio 2019 alle12:39

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

È Rosario Esposito La Rossa l’ambientalista dell’anno, vincitore del Premio Luisa Minazzi

"Crediamo nei sogni impossibili" ha affermato dopo la vittoria. RInviata alla primavera la quarta edizione del Festival della virtù civica, che porterà a Casale Monferrato gli otto finalisti

L’ecologismo è una forma di umanesimo. L’intervista a Telmo Pievani

Dal mensile di settembre - Cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, crisi economica e pandemie. Tutto è legato ma riconosciamo il pericolo solo quando è imminente. E la politica, commenta l’autore di “Homo sapiens e altre catastrofi”, spesso non è all’altezza delle sfide globali

Cercatori di verità

"La scienza ci rende consapevoli delle trasformazioni in corso". L'editoriale del direttore Francesco Loiacono su La Nuova Ecologia di dicembre

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,206FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

È Rosario Esposito La Rossa l’ambientalista dell’anno, vincitore del Premio Luisa Minazzi

"Crediamo nei sogni impossibili" ha affermato dopo la vittoria. RInviata alla primavera la quarta edizione del Festival della virtù civica, che porterà a Casale Monferrato gli otto finalisti

L’ecologismo è una forma di umanesimo. L’intervista a Telmo Pievani

Dal mensile di settembre - Cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, crisi economica e pandemie. Tutto è legato ma riconosciamo il pericolo solo quando è imminente. E la politica, commenta l’autore di “Homo sapiens e altre catastrofi”, spesso non è all’altezza delle sfide globali

Cercatori di verità

"La scienza ci rende consapevoli delle trasformazioni in corso". L'editoriale del direttore Francesco Loiacono su La Nuova Ecologia di dicembre

PREMIAZIONE AMBIENTALISTA DELL’ANNO 2020

Cerimonia conclusiva del Premio intitolato a Luisa Minazzi

Giornata Mondiale del suolo, CIC: la sua tutela sia al centro dell’agenda politica

È l'appello del Consorzio Italiano Compostatori che promuove la piattaforma S.O.S. Soil - SAVE ORGANICS IN SOIL, «conserva la sostanza organica del suolo»