lunedì, Ottobre 26, 2020

Sabato 14 aprile la Marcia per la Scienza torna in tutto il mondo

Marcia per il clima

Per la seconda volta i ricercatori di tutto il monto si preparano alla Marcia per la Scienza, la manifestazione internazionale volta a difendere la ricerca dalle ingerenze della politica nata nel 2017 sulla scia della protesta contro le iniziative del governo Trump in questo settore. L’edizione 2018, in programma il 14 aprile, si prepara “sottovoce”: le città coinvolte sono 250 contro le oltre 600 del 2017. Quattro gli eventi previsti in Italia, nessuno dei quali a Roma, dove lo scorso anno era stato organizzato un grande corteo con l’adesione di molti enti pubblici, culminato in piazza Campo de’ Fiori. Lanciata lo scorso anno dall’omonima associazione di New York, l’iniziativa era nata per rispondere ai duri attacchi alla scienza, soprattutto sul tema dei cambiamenti climatici, da parte dell’allora neopresidente Donald Trump. Il sostegno era stato entusiasta tutto il mondo. La prima edizione aveva mobilitato infatti oltre un milione di persone in più di 600 città.
In Italia sono previste iniziative in quattro città: a Firenze con l’iniziativa ‘Indivisible TUScany’; a Rimini con la manifestazione organizzata dal Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze (Cicap); a Palermo celebra la Marcia per la Scienza l’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar); A Bologna, infine, è previsto il convegno ‘Teach-in BO March for Science 2018’.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Elezioni Usa, Biden mette la questione climatica al centro della campagna elettorale

Una mossa inedita nelle presidenziali americane su cui il candidato democratico punta per sconfiggere il negazionista Trump. Ma nel suo Green new deal restano delle zone d'ombra, a cominciare dal sostegno al fracking per l'estrazione di gas e petrolio

Presentazione del terzo rapporto Osservatorio sisma Fillea e Legambiente

Il convegno online dell’Osservatorio nazionale per una ricostruzione di qualità

Obiettivo Sarno

Il lockdown gli aveva restituito trasparenza ma le acque del fiume campano, il più inquinato d’Europa, hanno ripreso a cambiare colore con la ripartenza delle attività industriali e agricole

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,899FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Elezioni Usa, Biden mette la questione climatica al centro della campagna elettorale

Una mossa inedita nelle presidenziali americane su cui il candidato democratico punta per sconfiggere il negazionista Trump. Ma nel suo Green new deal restano delle zone d'ombra, a cominciare dal sostegno al fracking per l'estrazione di gas e petrolio

Presentazione del terzo rapporto Osservatorio sisma Fillea e Legambiente

Il convegno online dell’Osservatorio nazionale per una ricostruzione di qualità

Obiettivo Sarno

Il lockdown gli aveva restituito trasparenza ma le acque del fiume campano, il più inquinato d’Europa, hanno ripreso a cambiare colore con la ripartenza delle attività industriali e agricole

Alla sorgente dell’ispirazione

Ungaretti, Pasolini, Visconti, Mazzacurati, Rossellini, De Santis. Alcuni artisti che hanno narrato i fiumi o ambientato sui corsi d’acqua i loro capolavori

Roma, sul Tevere e sull’Aniene le barriere dei rifiuti

Due strutture sul Tevere e sull’Aniene raccolgono i rifiuti dall’acqua e ne cambiano la destinazione. Non più il mare aperto, ma percorsi virtuosi di economia circolare