sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Roma, Tmb Salario in fiamme

Tmb Salario in Salario
 
 
Pubblicato l’11 dicembre 2018 alle 8:28

Ultimo aggiornamento l’11 dicembre 2018 alle 12:22

Incendio all’alba al Tmb Salario, alla periferia nord-orientale di Roma. L’allarme nello stabilimento di trattamento dei rifiuti in via Salaria 981 è scattato alle 4.30.

 

C’è stato  l’intervento immediato sul posto di 12 squadre dei vigili del fuoco e di 40 pompieri. Si è alzata un’alta nube di fumo sulla zona, visibile in molti quartieri della città.

 

Acre l’odore di fumo che ha accolto i cittadini della zona appena aperte le finestre. Non si sanno ancora le cause dell’incendio, nè, chiaramente, il tipo di sostanze che ora sono nell’aria. I genitori delle scuole di zona stanno andando a riprendersi i figli da scuola. Gli studenti del liceo Archimede sono stati fatti uscire. Aria sempre più irrespirabile per tutti, anche a Parioli. La nube si sta spandendo in tutta Roma.L’ARPA Lazio è intervenuta prontamente per monitorare la qualità dell’aria.

Tmb Salario, incendio
Foto di Andrea Cippone

Sul posto si trovano, tra gli altri, anche l’assessore ai Rifiuti del Comune di Roma Pinuccia Montanari, l’assessore ai rifiuti della Regione Lazio Massimiliano Valeriani e Rossella Muroni deputata di Leu. “In seguito all’incendio sviluppatosi nell’impianto  Tmb Salario, per ragioni precauzionali, in attesa dei dati delle misurazioni dell’aria da parte di Asl e Arpa Lazio, le raccomandazioni sono di chiudere le finestre laddove si percepisce odore, ma soprattutto evitare attività all’aria aperta ed evitare di consumare prodotti colti nell’area circostante all’incendio”, scrive in un comunicato il Campidoglio. “Per precauzione l’asilo a ridosso dell’impianto è chiuso. I vigili del fuoco ci hanno avvisato che non ci sono allarmi da nube tossica. Per precauzione comunque invito la cittadinanza del Municipio a tenere le finestre chiuse con particolare attenzione alle scuole che invitiamo anche a non far uscire i ragazzi in cortile”, scrive su Facebook il presidente del Municipio III di Roma Giovanni Caudo. “Invito inoltre le persone che hanno difficoltà respiratorie – prosegue – ad evitare di uscire all’aria aperta nelle zone esterne e prossime all’impianto. C’è attiva una cabina di regia con vigili del fuoco, se ci sono nuove segnalazioni di allarmi vi avvertiremo per tempo”.

Christian Raimo, assessore alla cultura del municipio III, impegnato da mesi nella lotta contro il Tmb Salario scrive su Facebook: “Stamattina presto è scoppiato un incendio al tmb Salario. Quell’impianto che tutti i giorni diciamo che è impossibile sia collocato a cinquanta metri dalle case e cento da un asilo nido. Che altro vi serve per capirlo? Che altro vi serve per chiuderlo?”

Tmb Salario in fiamme

Intanto arrivano proprio oggi al deposito due atti a firma Rossella Muroni deputato Leu: la richiesta di un’indagine sul TMB SALARIO da parte della commissione speciale sui rifiuti ed i traffici illeciti, la risoluzione per la chiusura del TMB e l’avvio di un’indagine epidemiologica sulla popolazione. La risoluzione è stata depositata sia in Commissione ambiente che in Commissione salute. “Da stamattina brucia l’impianto Ama di Trattamento Meccanico Biologico di via Salaria (Tmb Salario). Di cosa si stia sprigionando dalle fiamme e da cosa, o da chi, abbia avuto origine il rogo sapremo solo nei prossimi giorni. Forse. Per il momento sappiamo solo di un assurdo Paese dove gli impianti bruciano e i cittadini soffrono. Il Tmb Salario é  da anni al centro delle proteste dei residenti della zona per i miasmi che emana 24 ore al giorno, esalazioni che tengono in ostaggio circa 50 mila cittadini che vivono nei quartieri di Villa Spada, Fidene, Colle Salario, Nuovo Salario – spiega Muroni – L’impianto non è in grado di smaltire in tempi adeguati l’enorme quantità di rifiuti che viene conferita giornalmente, con la conseguenza che i rifiuti indifferenziati si accumulano all’interno del deposito trasformandolo a tutti gli effetti in una discarica. E dopo la recente relazione con cui Arpa Lazio ha messo nero su bianco le gravi inadempienze del Tmb Salario, la procura di Roma ha aperto un nuovo fascicolo di inchiesta sull’impianto. Si configurerebbero tra gli altri il reato di gestione non autorizzata di rifiuti e di inquinamento ambientale”. 

 

Tmb Salario in fiamme

 
“Una volta che l’incendio sarà spento si potranno verificare meglio le cause, ma anche le conseguenze che ritengo avranno un impatto sul ciclo dei rifiuti nella città di Roma nei prossimi giorni. Ma, questo lo potremo accertare solo nelle prossime ore”. Lo afferma il presidente dell’Ispra, Stefano Laporta parlando del rogo all’impianto rifiuti a Roma. “L’incendio è grave – spiega Laporta, a margine di una conferenza, ricordando l’arrivo delle festività natalizie – ma quello che preoccupa sarà la gestione del ciclo dei rifiuti a Roma nei prossimi giorni”.
L’impianto di trattamento rifiuti, il Tmb Salario, è da tempo al centro delle polemiche e delle proteste degli abitanti delle zone circostanti, a causa soprattutto dei cattivi odori. Le polemiche sono aumentate nell’ultimo periodo, dopo una relazione dell’Arpa del Lazio,  secondo la quale “vi sono evidenze che l’impianto produce rifiuti che presentano ancora caratteristiche di putrescibilità”. Immediata la reazione del presidente del III Municipio Giovanni Caudo, che ha evidenziato la parte del documento dell’Arpa secondo la quale l’impianto in questione “non produce i rifiuti che dovrebbe produrre, non stabilizza i rifiuti trattati che producono cattivo odore”. Secondo Caudo, nei fatti, “il Tmb è una discarica a 150 metri da un asilo e va chiuso”.
 
Pubblicato l’11 dicembre 2018 alle 8:28

Aggiornato l’11 dicembre 2018 alle 10:40
Aggiornato l’11 dicembre 2018 alle 11:00
Aggiornato l’11 dicembre 2018 alle 12:22

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

Giornata mondiale degli uccelli migratori, tanti esemplari a rischio

Ricorre l'8 maggio ed è stata creata per sensibilizzare alla tutela della biodiversità e degli habitat in cui l'avifauna vive. Un fine settimana pieno di iniziative

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni

Dal 2 all’8 maggio la Settimana internazionale sulla consapevolezza del compost

Obiettivo dell'iniziativa, che si conclude l'8 maggio, è creare consapevolezza sui vantaggi dell'uso del compost e del recupero valorizzato di sostanze organiche per la società civile, il suolo e l'ambiente. Anche quest'anno tra i promotori c'è il Consorzio italiano compostatori
Ridimensiona font
Contrasto