domenica 5 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Roma al fianco di Mimmo Lucano

lucano

Aggiornato alle 17.35 del 13 maggio 2019
Aggiornato alle 18.25 del 13 maggio 2019

È iniziato questa mattina a Roma, all’interno dell’Università La Sapienza, un presidio a sostegno di Mimmo Lucano, il sindaco di Riace sospeso dal proprio incarico atteso alle 15 per partecipare a un convegno organizzato nel dipartimento di Antropologia della Facoltà di Lettere e Filosofia.

“Il fascismo non è un’opinione” c’è scritto sullo striscione che campeggia ai piedi della fontana della Sapienza in piazzale della Minerva, dove sono riuniti decine di studenti e
cittadini.

A presidiare piazzale Aldo Moro sono presenti dalle 11 la Cgil di Roma e Lazio e decine di associazioni romane e nazionali, “per dare un caldo abbraccio a Mimmo Lucano al suo arrivo all’Università”, si legge in un comunicato. “Aderiamo e partecipiamo tutti per difendere il diritto di Mimmo Lucano a partecipare al seminario a cui è stato invitato e per difendere i valori di solidarietà, uguaglianza e inclusione che sono il  fondamento della nostra Costituzione”.

Tutti i cancelli e gli ingressi della Sapienza sono presidiati dalle forze dell’ordine per evitare ogni contatto tra gli studenti e i militanti di Forza Nuova, a cui la Questura di Roma ha vietato di tenere un comizio nella stessa giornata di oggi all’esterno dell’Ateneo ma che ha comunque annunciato l’organizzazione di un sit in per contestare Lucano.

Lucano, “i processi si affrontano, no a escamotage”

“La situazione di Riace è nota anche per le mie vicende giudiziarie, per le quali il processo stabilirà chi è innocente e colpevole. Tutti i cittadini fanno degli errori possono sbagliare. Ma a testa alta devono affrontare i processi e le conseguenze, non trovare gli escamotage per evitarli. Se ancora viviamo in democrazia, la legge è uguale per tutti, e non è giusto poi fare in modo che si vota per non fare i processi”. Lo ha detto Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, aprendo il suo intervento nell’Aula 1 della facoltà di Lettere della Sapienza gremita di docenti, studenti e curiosi.

“Mi date una grande responsabilità, è come se devo fare un esame – ha aggiunto alla platea che lo applaudiva -. Una grandissima emozione ho provato in queste ore che mi rimarranno sempre dentro. Grazie per l’affetto, la solidarietà, a voi dentro, e a quelli fuori che mi hanno accolto. Non credo al culto della personalità, l’ho detto anche fuori: sono uno di voi. Io non sono niente, non sono un professore, non sono nemmeno sindaco, sono sospeso”, ha aggiunto.

Riguardo l’esperienza di integrazione di centinaia di migranti negli ultimi anni a Riace, Lucano ha detto: “La nostra iniziativa ha riguardato un contesto particolare, le aree interne della Calabria che sono spopolate. Questi che voglio contrastare la manifestazione dicevano che io sarei un sindaco che vuole riempire i borghi calabresi con coloni africani, che promuovo una sostituzione etnica. Vi rendete conto? Non conoscono Riace, non conoscono i borghi calabresi che erano spopolati. I migranti non hanno occupato nessuno spazio degli italiani, anzi hanno aperto opportunità di lavoro a tanti ragazzi italiani che ora sono rimasti senza”.

“Io non avevo un’alternativa a quello che ho fatto”, ha dichiarato poi Lucano concludendo il suo intervento. “Non ci può essere un’alternativa alla disumanità, al razzismo, al fascismo. Per la prima volta, ha detto anche il mio avvocato con la sua esperienza professionale, il parere della Cassazione viene annullato da un parere più basso. Nemmeno per un giorno mi hanno permesso di rimanere fuori dai domiciliari. Magari se mi dimettevo era diverso, ma non ho voluto perché ho anch’io un mio orgoglio. Non voglio la commiserazione, voglio la giustizia. La Cassazione lo ha detto: non ho rubato nulla e sotto ai 50mila euro si può fare l’affidamento diretto, eppure sono in una condizione di confino, come si usava con il fascismo. Basaglia diceva che anche se tutta la società non si riusciva a cambiarla, era importante far cambiare idea anche a una sola persona. Anche io oggi se me ne vado di qui avendo convinto una persona a scegliere l’umanità alla disumanità, allora questa sarà la mia vittoria”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto