sabato 16 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Ritorno a L’Aquila

aquila

Soprannominata la “Regina degli Appennini”, nel 2009 L’Aquila aveva 72.988 residenti ma arrivava a contare una presenza giornaliera sul territorio di quasi 100.000 persone per studio, attività terziarie, lavoro e turismo. Poi il 6 aprile 2009, alle 3.32 tutto è cambiato, dopo diversi mesi di scosse localizzate e percepite in tutta la zona dell’aquilano, L’Aquila è stata colpita da un terremoto di magnitudo 6.3 Mw, che ha portato la morte di 309 persone e danni ingenti.

A ormai 8 anni dal terremoto, negli alloggi post sisma (C.A.S.E.e M.A.P.) si trovano ancora poco più di 10mila sfollati e negli ultimi due anni circa il numero delle persone che ha lasciato il Progetto Case e i Map è sceso del 30%. Chi rimane in queste abitazioni per lo più è residente dei centri storici della città dell’Aquila e delle frazioni in attesa di poter tornare a casa propria; in molte frazioni infatti la ricostruzione non è neanche iniziata, nel 2016 a fronte di 120 contributi emessi i cantieri realmente partiti sono una decina. Così come ancora non parte la ricostruzione pubblica e quella delle scuole, mentre per la ricostruzione degli edifici privati sono stati richiesti 10,5 miliardi e ne sono stati erogati circa 4,4 miliardi.

Sono 3500 i bambini, soprattutto della scuola primaria e secondaria, che all’Aquila e frazioni seguono ad oggi le lezioni nei cosiddetti MUSP (Moduli ad Uso Scolastico Provvisori) realizzati tra il 2009 e il 2010. È la cosiddetta “Generazione T” (generazione terremoto) ribattezzata anche “Generazione container”: si tratta dei bambini nati dopo il 2008 che non hanno mai fatto lezione in un istituto in muratura, le scuole che frequentano sono in realtà moduli prefabbricati. Dopo il sisma del 6 aprile 2009, i diversi istituti scolastici sono stati infatti ospitati in questi “Moduli ad Uso Scolastico Provvisori”. Stando agli ultimi dati disponibili (2011), consultabili sul sito della protezione civile, sono 25 i Musp dislocati tra Aquila e frazioni, 22 ospitano asili nido, scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, 3 scuole secondarie di secondo grado.

Le cose non vanno bene neanche per l’Università dell’Aquila, dove nell’anno accademico 2015-2016 si è registrato un calo del 72% delle immatricolazioni rispetto a quelle del 2008-2009.
Il terremoto ha poi prodotto 5mila nuovi poveri (dati Istat), persone che hanno perso il lavoro o che comunque non riescono a trovare un’adeguata collocazione occupazionale. I tempi lunghi della ricostruzione e la mancanza di una vera programmazione stanno portando molti residenti ad abbandonare la città e le sue frazioni.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Cinque anni di Premio nazionale “Verso un’economia circolare”

Iscrizioni aperte dal 24 settembre al 26 novembre 2021 per la quinta edizione che vede tra i promotori Fondazione Cogeme e Kyoto Club. BANDO INTEGRALE - SCHEDA DI PARTECIPAZIONE

Coldplay, tour mondiale a basso impatto

Consapevole della crisi climatica, la band britannica punta su ridotte emissioni di anidride carbonica, energia da fonti rinnovabili, coriandoli biodegradabili e sconti per chi raggiunge i concerti senza gravare sull'ambiente

Ecoturismo, gli Oscar di Legambiente alle migliori esperienze sostenibili e inclusive

Dall’Atlante della Mobilità Dolce all’app per scoprire un’area marina protetta, dagli orti sociali al book crossing: riconoscimenti a 5 strutture ricettive, 4 aree protette, una personalità e 2 network

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Coldplay, tour mondiale a basso impatto

Consapevole della crisi climatica, la band britannica punta su ridotte emissioni di anidride carbonica, energia da fonti rinnovabili, coriandoli biodegradabili e sconti per chi raggiunge i concerti senza gravare sull'ambiente

Ecoturismo, gli Oscar di Legambiente alle migliori esperienze sostenibili e inclusive

Dall’Atlante della Mobilità Dolce all’app per scoprire un’area marina protetta, dagli orti sociali al book crossing: riconoscimenti a 5 strutture ricettive, 4 aree protette, una personalità e 2 network

Rinnovabili, Cingolani: “In Italia 3 gigawatt di impianti bloccati dalle Soprintendenze”

Il ministro nel suo intervento in Commissione Ambiente: "Rispetto assoluto per il paesaggio, ma anche per la lotta al cambiamento climatico. Dobbiamo raggiungere l'obiettivo del 72% di fonti pulite al 2030"

Roma, i bus turistici tornano nella zona a traffico limitato

Lo ha deciso il Tar del Lazio con la sospensione del divieto di circolazione. Le associazioni: "Sono mezzi vecchi e inquinanti. Rifiutiamo fermamente proposte di riapertura, con aumento di emissioni che sono già costate alla collettività procedure di infrazione da parte della Comunità Europea"

ECOSISTEMA SCUOLA

Presentazione del XXI Rapporto di Legambiente sulla qualità dell'edilizia scolastica e dei servizi
Ridimensiona font
Contrasto