venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Risveglio nei campi

Clematis_vitalba
La primavera è il periodo dell’anno in cui la natura si risveglia e inizia a dare i suoi frutti, quelli coltivati e quelli spontanei. Andando per campi ci possiamo imbattere in tantissime piante commestibili, come asparagi selvatici o le cicorie, a seconda dell’altitudine, della latitudine e dell’esposizione. Una pianta spesso utilizzata in cucina è la vitalba o clematide (Clematis vitalba L.), una ranunculacea chiamata anche vitacchia, vizzatori, gramuddina a seconda delle zone e dei dialetti.

Amata dagli antichi romani che la coltivavano vicino le abitazioni per preservarle dai fulmini, ha portamento arbustivo rampicante, si aggrappa infatti ad alberi, cespugli, ruderi, case e recinzioni, facendo crescere i suoi fusti striscianti anche 20 metri. Le foglie sono opposte imparipennate di verde carico, più tenue in quelle giovani e più scuro in quelle adulte; la pagina inferiore è chiara e la forma è lanceolata, ovale o lobata. I fiori sono piccoli di color bianco tendente al verdino e la diffusione della pianta è fino a circa 1.400 metri slm. L’uso culinario prevede la raccolta dei giovani virgulti preparati nello stesso modo degli asparagi o di altri germogli.

L’uso medico della pianta la vedeva utilizzata in preparazioni per ridurre artriti, gotta e sciatiche, come analgesico e per la cura della scabbia. In realtà questa pianta è tossica e le norme del ministero della Salute ne vietano l’impiego in prodotti erboristici. La causa sono una serie di alcaloidi tossici, contenuti soprattutto nelle parti meno giovani. Cautela dunque nel consumo.

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto