Rinnovabili: nel 2018 segno positivo per fotovoltaico, eolico e idroelettrico

Lo dicono i dati dell’Osservatorio Fer di Anie-Confindustria secondo cui nei primi undici mesi dello scorso anno è stato registrato un +9% rispetto al 2017. Ma serve un maggior sforzo per il raggiungimento del target Ue al 2030

comuni-rinnovabili-2016-eolico

In Italia nei primi undici mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno segnato un +9% rispetto al 2017, raggiungendo complessivamente circa 836 MW. Lo dicono i dati dell’Osservatorio Fer di Anie-Confindustria, secondo cui sarà comunque necessario “un maggior sforzo per il raggiungimento del target al 2030 confermato dall’Unione Europea al 32%”.

Fotovoltaico

Per quanto riguarda il fotovoltaico, nel solo mese di ottobre supera i 71 MW e con i 30 MW di novembre raggiunge quota 402 MW complessivi (+6% rispetto allo stesso periodo del 2017). In aumento il numero di unità di produzione connesse (+8%), frutto delle politiche di autoconsumo e di defiscalizzazione, vale a dire la detrazione fiscale per il cittadino e il super ammortamento per le imprese. Gli impianti di tipo residenziale (fino a 20 kW) costituiscono il 50% della nuova potenza installata nel 2018. Le regioni che hanno registrato il maggior incremento in termini di potenza sono Calabria, Liguria, Piemonte e Sardegna, mentre quelle con il maggior decremento sono Campania, Lazio e Valle d’Aosta.

Eolico

Positivi i mesi di ottobre (oltre 69 MW) e di novembre (oltre 29 MW) per l’eolico che raggiunge 297 MW complessivi nel 2018. Le installazioni risultano comunque in calo (-9%) rispetto allo stesso periodo del 2017. Per questo comparto si registra un notevole decremento (-95%) anche delle unità di produzione dovuto al fatto che lo scorso 31 dicembre 2017 si è chiusa la finestra per l’accesso diretto degli impianti di piccolissima taglia. Per quanto riguarda la diffusione territoriale, la maggior parte della potenza connessa (88%) è localizzata nelle regioni del Sud Italia.

Idroelettrico

Migliora infine il trend mensile per l’idroelettrico che grazie agli 8 MW di ottobre e ai 6 MW circa di novembre raggiunge il valore di 137 MW complessivi (+92% rispetto ai valori registrati nei primi undici mesi del 2017). Si registra invece un decremento per le unità di produzione (-69%). Le regioni che hanno registrato il maggior incremento di potenza rispetto all’anno precedente sono Lombardia e Piemonte. Gli impianti idroelettrici di taglia inferiore a 1 MW connessi nel 2018 costituiscono l’8% del totale installato fino a novembre 2018. Da segnalare l’attivazione nel mese di ottobre 2018 di un impianto idroelettrico da circa 6,3 MW in Lombardia.