domenica 5 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Un mondo 100% rinnovabili è già possibile nel 2050

Rinnovabili_2050

Quanto sole e vento sono disponibili nelle diverse aree del mondo? Quanto è alta la domanda di energia? Come possiamo abbattere i costi delle energie rinnovabili e del loro stoccaggio?

Sono solo alcune delle domande che si sono posti i ricercatori della Lappeenranta University of Technology  (LUT) in Finlandia, insieme agli esperti dell’Energy Watch Group (EWG). Hanno trovato alcune risposte, grazie alle quali hanno potuto compilare il primo scenario energetico globale dettagliato.

Lo studio, appena pubblicato, delinea strategie per 145 diverse regioni di tutto il mondo, con l’obiettivo ultimo di ridurre a zero le emissioni di gas serra entro il 2050 e di risparmiare denaro durante questo processo. I ricercatori sono riusciti a simulare il mix energetico più conveniente per ciascuna regione e dimostrare come i fabbisogni energetici di elettricità, riscaldamento e trasporti possano essere sostituiti da alternative rinnovabili.

“Questo sistema energetico costa meno di quello attuale e garantisce che il riscaldamento globale rimanga inferiore a 1,5 gradi Celsius”, afferma il coordinatore dello studio e professore di economia solare presso la LUT, Christian Breyer. In media, un mix energetico a base di rinnovabili sarebbe circa il 2% più economico a livello globale.

Su scala mondiale, lo studio individua uno scenario ottimale in cui la più importante fonte di energia è il sole (70%), seguita dal vento (18%), dalla biomassa (5%) e dall’idroelettrico (3%). I ricercatori fatto i loro calcoli tenendo conto di un potenziale aumento della domanda energetica media pro capite e di una popolazione globale di 9,7 miliardi di persone entro il 2050.

La rincorsa ad un mondo a emissioni zero porta con sé la creazione di molti posti di lavoro, secondo lo studio: “Abbiamo bisogno di molte fabbriche per grandi quantità di celle solari e batterie, ma i nuovi posti di lavoro saranno per lo più legati al funzionamento di molti sistemi solari e parchi eolici decentrati”, afferma Josef Fell, co-autore e presidente di Energy Watch Group.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto