mercoledì 1 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Verde pubblico, 6.400 nuovi alberi rigenereranno otto centri urbani in Italia

Al via il progetto “Riforestazione urbana – Alberi in città” di Legambiente e Eurizon. Le attività di piantumazione si svolgeranno con il supporto tecnico di AzzeroCO2. Scelti alberi autoctoni per preservare la biodiversità, ridurre la temperatura e l’inquinamento dell’aria e dare nuova vita agli spazi comuni

A cavallo tra l’autunno e l’inverno otto città italiane si popoleranno di nuovi alberi grazie al progetto “Riforestazione urbana – Alberi in città” di Legambiente ed Eurizon, società di asset management del Gruppo Intesa Sanpaolo, che prevede la messa a dimora di ben 6.400 piante con lo scopo di restituire il verde a città e centri urbani dislocati in tutto il Paese. I primi alberi sono stati piantati a Trento, nell’ambito dell’iniziativa che proseguirà nei prossimi mesi e interesserà anche i Comuni di Milano, Vicenza, Beinasco (TO), San Cesario sul Panaro (MO), Roma, Napoli e Ancona. Tutte le attività sono realizzate con il supporto di AzzeroCO2, partner tecnico dell’operazione, che realizzerà ciascun progetto di forestazione e provvederà alla messa a dimora delle essenze arboree e arbustive, curandone la manutenzione fino al loro completo attecchimento. L’iniziativa prevede inoltre la manutenzione – che verrà affidata a società specializzate – delle aree piantumate per i primi due anni.

Da un punto di vista ambientale gli alberi rappresentano i polmoni verdi della Terra e svolgono un ruolo fondamentale nella prevenzione del dissesto idrogeologico, nel mantenimento degli equilibri del Pianeta, nel benessere delle persone e nella qualità della vita delle nostre città. La vegetazione in città funge da climatizzatore naturale stemperando gli eccessi termici che caratterizzano l’ambiente urbano e riducendo l’effetto “isola di calore”. A ciò si aggiunge il fatto che il grande patrimonio arboreo e boschivo italiano rappresenta una delle bellezze del nostro Paese da riscoprire e tutelare con maggior impegno.

Così, dall’acero campestre al corbezzolo, dal leccio al biancospino, i nuovi alberi troveranno posto principalmente all’interno di parchi urbani, ma anche nei pressi degli stessi, rendendo più verdi e vivibili zone industriali e residenziali, ex discariche e aree limitrofe alle autostrade.

Si tratta di una capillare iniziativa di rimboschimento e di riqualificazione urbana che, da Nord a Sud, toccherà alcune tra le principali aree metropolitane dello stivale: una volta riforestati, gli spazi interessati potranno quindi essere visitati e vissuti dalla comunità quali rinnovati luoghi di svago e benessere, oltre che di prezioso interscambio tra uomo e natura in una cornice di miglioramento paesaggistico, a favore del benessere collettivo e del Pianeta.

La partecipazione di Eurizon al progetto rientra nella strategia di sviluppo degli investimenti sostenibili a livello ambientale e sociale, diventata negli anni parte integrante dell’attività di asset management della società.

I centri urbani e i loro parchi, sottolinea Legambiente, costituiscono il nucleo di questo nuovo progetto in collaborazione con Eurizon e con il supporto tecnico di AzzeroCO2: “La creazione di più spazi verdi nelle aree metropolitane è tra le nostre proposte per un piano nazionale contro l’inquinamento atmosferico e, più in generale, per la mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici, cui le città appaiono particolarmente vulnerabili – dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – Il posizionamento strategico degli alberi nel perimetro dei centri urbani e delle loro aree verdi contribuisce, nello specifico, a ridurre la temperatura dell’aria di 2-8°C, oltre che a filtrare gli inquinanti urbani e il particolato fine, contrastando al contempo l’erosione del suolo e la perdita di biodiversità”.

“Da anni Eurizon svolge con convinzione il ruolo di asset manager attivo e responsabile verso le aziende in cui investe e verso la società”dichiara Federica Calvetti, Responsabile ESG & Strategic Activism di Eurizon. “Siamo orgogliosi di collaborare con Legambiente su questo progetto di impatto positivo per le persone e per l’ambiente nei Comuni interessati grazie alla devoluzione di parte delle commissioni di gestione di alcune strategie di investimento sostenibili e responsabili sottoscritte dai clienti”.

Le iniziative volte ad incrementare le aree verdi nelle città sono oggi centrali per mitigare gli effetti della crisi climatica, ridurre l’inquinamento e aumentare il benessere delle comunità locali. Per questo le riforestazioni urbane sono per noi di AzzeroCO2 una risposta concreta alle problematiche ambientali che affliggono il nostro tempo – dichiara Sandro Scollato, Amministratore Delegato di AzzeroCO2 – Il nuovo progetto che ci vede coinvolti insieme a Legambiente ed Eurizon ci consentirà di contribuire all’attuazione degli SDGs dell’Agenda 2030 secondo i quali è necessario rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili. Questa è la strada che vogliamo portare avanti per restituire valore ai nostri territori e consegnare un futuro migliore alle nuove generazioni”.

Tutti gli alberi che saranno piantati nell’ambito del progetto sono autoctoni dei territori interessati e, laddove possibile, rappresentano piante pioniere: questa scelta è fatta per contribuire alla salvaguardia della biodiversità e alla non alterazione degli equilibri floristici e faunistici di ciascuna area.

Le specie autoctone, sottolinea Legambiente, sono importanti per via del loro patrimonio genetico, poiché consentono di rigenerare territori degradati e favoriscono la colonizzazione di altre specie, fondamentali per la creazione di corridoi ecologici e per l’insediamento dell’avifauna. Maggiore è la diversità di piante autoctone, maggiore è la diversità della fauna: ogni pianta indigena attrae infatti specie animali distinte, offrendo loro nutrimento e protezione. Queste specie, a loro volta, costituiscono la fonte alimentare dei predatori, anello successivo della catena alimentare. Fauna e flora di ogni territorio si sono evolute in milioni di anni; pertanto, le specie autoctone hanno un valore ecologico superiore a quello delle piante esotiche.

Leggi anche:

Foreste, un patrimonio di 11 milioni di ettari da tutelare

Deforestazione, l’Ue vuole limitare le importazioni di materie prime legate ai disboscamenti

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

FORUM ECONOMIA CIRCOLARE TOSCANA

Dalle 9,00 la sesta edizione dell'Ecoforum Toscana. L'esperienza virtuosa di Prato circular city che ha come obiettivo l'accelerazione nella transizione ecologica della città. Innovazione e sostenibilità nella mission dei gestori, in attesa del nuovo Prb. Il racconto dai distretti (cartario, tessile, lapideo, vitivinicolo), le politiche per la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti urbani e l’analisi dei flussi sugli speciali
Ridimensiona font
Contrasto