venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Rifiuti hi-tech: Africa e Asia sono le pattumiere

rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche

350mila tonnellate di spazzatura tecnologica che ogni anno finiscono nei Paesi in via di sviluppo dove da questi rifiuti si estraggono materiali preziosi, rilasciando sostanze tossiche nell’ambiente perché lì le regole non ci sono o possono essere facilmente aggirate. Computer, monitor, cellulari che invece di essere correttamente smaltiti, dall’Europa vengono inviati illegalmente in Africa e Asia.  Lo denuncia il rapporto “Buchi nell’economia circolare” realizzato dall’organizzazione internazionale Basel Action Network (Ban). Come è avvenuta la scoperta? Piazzando delle “cimici” Gps su 314 rifiuti elettronici in 10 Paesi europei, ed è così che pc e monitor buttati via in Italia hanno mandato il loro segnale dalla Nigeria o dal Ghana. In Europa, rileva il rapporto, il tasso di esportazione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) è del 6% per gli apparecchi consegnati presso centri di raccolta o conferiti in appositi contenitori. A questo flusso inizialmente pulito, che poi confluisce in molti casi in filiere illegali nei Paesi del Sud del mondo, vanno però aggiunti gli altri flussi che sfuggono alle filiere regolari, su cui bisogna fare chiarezza. Dei rifiuti tracciati e finiti illegalmente in Africa e Asia, la maggior parte viene dal Regno Unito, seguito da Danimarca e Irlanda. Dove finiscono? Soprattutto in Africa e in particolare in Nigeria, Ghana e Tanzania.

 Se in Italia si raccoglie circa il 40% dei rifiuti elettrici ed elettronici, significa che il resto ancora oggi non viene smaltito correttamente, fa sapere la commissione.

Per riportare il settore nella piena legalità “è opportuno far emergere i flussi di grandi elettrodomestici che oggi vengono assorbiti anche dall’industria non ufficiale degli autodemolitori e quelli di apparecchi come i condizionatori o i pannelli fotovoltaici i cui quantitativi saranno presto in crescita e del cui smaltimento oggi si occupano gli installatori senza un’adeguata filiera”, dice il presidente della Commissione Ecomafie Stefano Vignaroli che chiede anche di “rendere pienamente operativi presso il ministero dell’Ambiente il Comitato di vigilanza e controllo sui Raee e il Comitato di indirizzo per favorire una evoluzione della filiera della raccolta e del recupero Raee che il rapporto conferma essere ancora deficitaria”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto