mercoledì 1 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Ricostruzione post-sisma Centro Italia: incontro con Crimi e Farabollini

ricostruzione basilica di Norcia

Legambiente e Fillea hanno incontrato separatamente il Sottosegretario alla presidenza del consiglio Vito Crimi, delegato dal Governo a tutte le aree colpite dal terremoto, ed il Commissario straordinario per le aree del centro Italia Piero Farabollini. Si è svolto in un clima positivo il confronto con i due referenti, politico e tecnico, a cui il Governo ha affidato la responsabilità di curare la ricostruzione.

Come Osservatorio abbiamo sollecitato un cambio di passo nella ricostruzione, facendo presente le criticità che andrebbero risolte ben evidenziate dai periodici report che l’Osservatorio ha prodotto finora. In estrema sintesi: garantire personale sufficiente e qualificato, soprattutto per i Comuni, per gestire l’aumento della presentazione delle pratiche da parte dei cittadini; redigere velocemente delle Linee Guida sulle varie tematiche procedurali e progettuali, coerenti e chiare, vista la quantità di norme che si sono susseguite negli oltre due anni per semplificare il lavoro dei professionisti, degli enti locali, dello stesso Ufficio regionale Ricostruzione; la gestione, recupero e riutilizzo delle macerie non solo pubbliche ma anche private. Abbiamo voluto sottolineare quanto la invocata, e necessaria, “semplificazione” non deve avvenire a scapito della sicurezza, della qualità, della legalità.  I problemi riscontrati nelle SAE, costruite in emergenza, sia sul versante del lavoro irregolare che sulla qualità delle costruzioni, dimostrano la stretta connessione tra qualità e sicurezza del lavoro e qualità del costruito. Organizzare i controlli, utilizzare i tempi necessari per fare bene le cose, nella legalità e trasparenza, non possono essere etichettati come “burocrazia”. Anzi, fanno risparmiare tempo e garantiscono tempi di realizzazione certi.

Il sottosegretario Crimi ha riferito che non intendono stravolgere la normativa ma ritengono di operare per una diminuzione dei tempi attualmente previsti per le autorizzazioni necessari alla ricostruzione sia pubblica che privata e per delegare ai Comuni la possibilità di fare in proprio le gare per opere pubbliche di minore dimensione. Hanno mostrato interesse per le proposte dell’Osservatorio circa una gestione innovativa delle macerie.

Un altro argomento di confronto è stato l’impegno per fornire il nostro paese di un testo Unico delle emergenze, che faccia tesoro dell’esperienza, per evitare che per ogni disastro si ricominci ogni volta daccapo, secondo il Governo di turno, nel definire le regole da applicare e l’organizzazione a supporto della ricostruzione. E’ un argomento su cui il Governo si è mostrato interessato e sembra che voglia affrontarlo. Ci auguriamo che il confronto continui e che si voglia e si sappia utilizzare al meglio le disponibilità e il contributo che la società civile può dare nell’immane sforzo della ricostruzione.  

Maria Maranò
Segreteria nazionale di Legambiente

Articoli correlati

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

FORUM ECONOMIA CIRCOLARE TOSCANA

Dalle 9,00 la sesta edizione dell'Ecoforum Toscana. L'esperienza virtuosa di Prato circular city che ha come obiettivo l'accelerazione nella transizione ecologica della città. Innovazione e sostenibilità nella mission dei gestori, in attesa del nuovo Prb. Il racconto dai distretti (cartario, tessile, lapideo, vitivinicolo), le politiche per la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti urbani e l’analisi dei flussi sugli speciali
Ridimensiona font
Contrasto