lunedì 25 Gennaio 2021

“Rendete pubblico il piano di emergenza nucleare”

Un'immagine panoramica del porto Taranto

Peacelink chiede al prefetto di Taranto, Donato Cafagna, di rendere pubblico il piano di emergenza nucleare previsto dalla normativa vigente e di fornire alla popolazione e agli enti locali un’informazione esaustiva in materia. “In base al piano di emergenza per le navi militari a propulsione nucleare – sottolinea l’associazione ambientalista – elaborato dalla presidenza del Consiglio dei ministri nel 1995, fra i porti italiani che possono accogliere naviglio a propulsione nucleare viene menzionato anche il porto di Taranto”.

Il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, “prevede inoltre che lo Stato provveda alla tutela delle popolazioni potenzialmente esposte al rischio di incidenti negli impianti nucleari delle varie tipologie mediante la predisposizione di specifici piani di emergenza (art 115). Detto obbligo sussiste in caso di incidenti su naviglio a propulsione nucleare in aree portuali”.

Peacelink invita il prefetto a disporre “per la protezione della tiroide la distribuzione di confezioni di ioduro di potassio​ e di istruzioni circa il loro uso in caso di incidente nucleare” e a chiedere “l’esclusione di Taranto dai porti a rischio nucleare nel caso non vi sia transito di unità a propulsione nucleare o che chieda comunque l’esclusione in quanto non a norma rispetto al dlgs 230/95 e strutturalmente inidonea in quanto già dichiarata città ad alto rischio di crisi ambientale”.

A Bruxelles, ha detto in una conferenza stampa il presidente di Peacelink, Alessandro Marescotti, viene “distribuito un opuscolo dal titolo: ‘Sapete cosa fare in caso di incidente nucleare?’ e sul cellulare arrivano istruzioni in caso di emergenza nucleare: basta registrarsi al sito apposito. Inoltre, ogni cittadino riceve gratuitamente le sue compresse di ioduro di potassio​. Perché in Italia no?”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Amburgo, nell’ex centrale a carbone verrà prodotto idrogeno verde

Il piano prevede la conversione del polo di Moorburg, nell'area portuale della città, in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt da avviare a partire dal 2025. Nei prossimi anni la Germania investirà solo in questo settore nove miliardi di euro

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia