mercoledì 27 Gennaio 2021

Regno Unito, Johnson punta alla svolta verde con il nuovo decalogo green

Investimenti per 12 miliardi, con la speranza di 250mila posti di lavoro. Il primo ministro: “La ripresa del pianeta deve andare avanti”

Il Primo Ministro Boris Johnson ha annunciato un ambizioso piano in dieci punti per una rivoluzione industriale verde che permetterà al Regno Unito di procedere nella lotta al cambiamento climatico e limitare il contributo del Paese entro il 2050. Per questo piano, che creerà fino a 250 mila posti di lavoro, il governo ha stanziato 12 miliardi di sterline. Il primo ministro ha così assunto la leadership del Regno Unito in materia di cambiamenti climatici.

I dieci punti sono costruiti attorno ai punti di forza del Regno Unito:

  • L’eolico offshore: produrre energia dalle pale eoliche offshore per alimentare ogni casa, quadruplicando la produzione a 40GW entro il 2030;
  • Idrogeno: lavorare con l’industria con l’obiettivo di generare 5GW di capacità di produzione di idrogeno a basso contenuto di carbonio entro il 2030 per l’industria, i trasporti, l’energia e le case, sviluppando la prima città riscaldata interamente a idrogeno entro la fine del decennio;
  • Nucleare: promuovere il nucleare come fonte di energia pulita, attraverso il nucleare su larga scala e lo sviluppo della prossima generazione di reattori piccoli e all’avanguardia, che potrebbero generare 10 mila posti di lavoro;
  • Veicoli elettrici: porre fine alla vendita di nuove auto e furgoni a benzina e diesel entro il 2030 – dieci anni prima del previsto – mettendo in circolazione auto ibride e trasformare le infrastrutture nazionali del Regno Unito per supportare meglio i veicoli elettrici. Questo metterà il Regno Unito sulla strada giusta per essere il primo paese del G7 a decarbonizzare il trasporto su strada;
  • Trasporto pubblico, biciclette e spostamenti a piedi: rendere più attraenti gli spostamenti in bicicletta e a piedi e investire nel trasporto pubblico a emissioni zero del futuro;
  • Jet Zero e marittimo più verde: incentivare le industrie a diventare più verdi attraverso progetti di ricerca per aerei e navi a emissioni zero;
  • Case ed edifici pubblici: rendere le abitazioni, le scuole e gli ospedali più ecologici, più caldi e più efficienti dal punto di vista energetico, creando al contempo 50 mila posti di lavoro entro il 2030, e l’obiettivo di installare 600 mila pompe di calore ogni anno entro il 2028.
  • Cattura del carbonio: diventare leader mondiale nella tecnologia per catturare e immagazzinare le emissioni nocive lontano dall’atmosfera, con l’obiettivo di rimuovere 10MT di anidride carbonica entro il 2030, equivalente a tutte le emissioni prodotte dalla zona industriale di Humber;
  • La natura: proteggere e ripristinare il nostro ambiente naturale, piantando 30 mila ettari di alberi ogni anno, creando e mantenendo migliaia di posti di lavoro;
  • Innovazione e finanza: sviluppare le tecnologie all’avanguardia necessarie per raggiungere queste nuove ambizioni energetiche e fare della City di Londra il centro globale della finanza verde.

“Anche se quest’anno ha preso una strada molto diversa – ha dichiarato Johnson – da quella che ci aspettavamo, il Regno Unito guarda al futuro e coglie l’opportunità di tornare ad essere più verde. La ripresa del nostro pianeta e delle nostre economie può e deve andare avanti”.

Per raggiungere questi obiettivi, il Primo ministro ha annunciato investimenti significativi, come 1,3 miliardi di sterline per accelerare l’introduzione di punti di ricarica per i veicoli elettrici nelle strade e sulle autostrade, 582 milioni di sterline per coloro che acquistano veicoli a zero o a bassissime emissioni, quasi 500 milioni di sterline da spendere nei prossimi quattro anni per lo sviluppo e la produzione su larga scala di batterie per veicoli elettrici e 20 milioni di sterline per un concorso per lo sviluppo di tecnologie marittime pulite.

Questo passo segna l’inizio del percorso del Regno Unito verso lo zero netto di emissioni, con ulteriori piani per la creazione di posti di lavoro da seguire nel corso del prossimo anno, in vista del summit internazionale sul clima COP26 di Glasgow che il Regno Unito ospiterà in partnership con l’Italia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Economia circolare, l’allarme delle imprese: “Manca una programmazione”

Il commento di Unirimap, Assorimap e Assofermet: “Basta ritardi. Servono subito anche 2,625 mld per puntare davvero sulla green economy”

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Economia circolare, l’allarme delle imprese: “Manca una programmazione”

Il commento di Unirimap, Assorimap e Assofermet: “Basta ritardi. Servono subito anche 2,625 mld per puntare davvero sulla green economy”

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca