martedì 19 Gennaio 2021

Recovery plan, 74 miliardi per la transizione ecologica ed energetica

È quanto prevede una prima bozza del piano emersa dal Consiglio dei ministri del 7 dicembre. Perplessità per la mancanza di un confronto al di fuori di Palazzo Chigi. Il presidente di Legambiente Stefano Ciafani: “Il governo deve cambiare registro”

Il 7 dicembre nel corso del Consiglio dei ministri è emersa una prima bozza sulla governance del Recovery plan. Il piano di ripresa e resilienza varato dalla Commissione europea nell’ambito del programma Next Generation Eu, prevede per l’Italia fondi pari a 196 miliardi, di cui 123 destinati alla transizione verde e digitale. Ci sono molte attese per capire come verranno gestite le risorse destinate alla transizione ecologica ed energetica (74,3 miliardi) e alle infrastrutture che andranno in cantiere per rendere più sostenibile la mobilità (27,7 miliardi).

Stando alla bozza, 40,1 miliardi saranno destinati all’efficienza energetica e riqualificazione degli edifici, e dunque anche alla proroga del superbonus al 110%; 18,5 miliardi per la transizione energetica e la mobilità locale sostenibile, 9,4 miliardi per la tutela e la valorizzazione del territorio e della risorsa idrica e 6,3 per impresa verde e l’economia circolare, 9,1 per la ricerca all’impresa. Nella bozza, come spiega Il Sole 24 Ore, sono inoltre previsti iter rapidi per nuovi progetti greenfield rinnovabili e investimenti per la produzione di idrogeno in siti brownfield e da elettrolisi, e progetti di ricerca e sviluppo per le applicazioni di idrogeno a usi finali. Tra le proposte, infine, c’è anche un riordino delle spese fiscali e della tassazione ambientale.

In attesa di capire che forma assumerà la bozza definitiva del piano che verrà trasmessa alle Camere e a Bruxelles, arrivano al Governo le prime critiche sulle modalità che sono state sinora seguite per lavorare sulla struttura della proposta italiana. Ciò che è mancato al momento, e che invece era stato auspicato da più parti, è stato un confronto reale anche al di fuori di Palazzo Chigi. “Il governo deve cambiare registro – ha ribadito in proposito il presidente di Legambiente Stefano Ciafani in un’intervista pubblicata sul Corriere della Sera – Serve un Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ‘partecipato’ e non un PNRR ‘delle partecipate’. Serve realizzare le opere e gli impianti della transizione ecologica con processi di condivisione territoriale. Serve però anche il coraggio e la coerenza degli ambientalisti italiani, altrimenti non ne veniamo a capo”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Incendi in Australia, minacciati gli habitat di 191 specie animali

Tra queste, 49 ne hanno perso più dell'80%. Tra giugno 2019 e febbraio 2020 in totale più di 15mila roghi. Wwf lancia l'iniziativa “Regenerate Australia” per il recupero della fauna selvatica

Mobilità urbana, nel 2020 +84,5% di veicoli a due ruote elettrici venduti

Superati per la prima volta i 10mila veicoli immatricolati. Sale la disponibilità media di piste ciclabili, per i motocicli in calo l'accesso alle corsie riservate ai mezzi pubblici. I dati del quinto rapporto dell’Osservatorio Focus2R promosso da Confindustria Ancma e Legambiente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia