mercoledì 27 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Quello striscione sotto gli occhi di Renzi

di Maria Maranò, Legambiente e Coalizione per il clima

Volevamo rendere evidente la contraddizione di un governo che organizza gli Stati generali sui cambiamenti climatici mentre sceglie una politica energetica basata sulle trivelle a mare e a terra. Il modo non violento era riuscire ad aprire uno striscione, con una scritta semplice e chiara: No Oil. Il momento più opportuno? La mattinata, durante l’intervento del ministero dello sviluppo economico, per contestare la politica economica ed energetica di questo esecutivo.

Un po’ di preparativi e organizzazione sono stati necessari. Come far passare lo striscione senza farselo sequestrare all’ingresso, scegliere la migliore postazione perché fosse visibile a tutti i partecipanti, mettere qualche ostacolo tra lo striscione e i commessi parlamentari per rendergli l’impresa del sequestro meno facile, allertare gli amici de “La Nuova Ecologia” per immortalare l’evento e rilanciarlo sui social. E così alla presenza del premier Renzi e della ministra francese Ségolène Royal quello striscione colorato (dai bambini) ha fatto irruzione: No Oil. La contraddizione è entrata prepotente nell’emiciclo parlamentare. Un po’ di trambusto, grazie ai clic dei fotografi e la curiosità dei giornalisti, ha fatto girare tutti verso lo striscione. I commessi, poverini, ci hanno messo un po’ a strapparcelo dalle mani.

Grande soddisfazione quando abbiamo capito che ce l’avevamo fatta, costringendo il presidente Renzi a rispondere, con qualche imbarazzo sulla politica energetica del suo governo. Un momento di panico l’abbiamo vissuto invece per trovare il verso giusto dello striscione, sotto i banchi e con numerosi commessi alle spalle. E alla fine c’è rimasto anche un piccolo dispiacere: non ci hanno restituito lo striscione, lo hanno trattenuto come corpo del reato. Speriamo che rimanga nell’archivio della Camera a testimonianza per i posteri di un’era dei fossili finalmente superata.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Parigi, 250 milioni di euro per il nuovo piano di piste ciclabili

Parcheggio facile e sicuro, attività di promozione, possibilità di muoversi liberamente anche nelle strade a senso unico. La capitale francese punta a diventare il paradiso dei ciclisti, con 130 nuovi chilometri riservati alle biciclette

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Parigi, 250 milioni di euro per il nuovo piano di piste ciclabili

Parcheggio facile e sicuro, attività di promozione, possibilità di muoversi liberamente anche nelle strade a senso unico. La capitale francese punta a diventare il paradiso dei ciclisti, con 130 nuovi chilometri riservati alle biciclette

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto