lunedì 27 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Rapporto annuale sullo stato del clima in Europa, 2019 anno da record

L'immagine di Bologna in una giornata estiva

Copernicus Climate Change Service (C3S), implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio raggio per conto della Commissione europea, ha pubblicato oggi il Rapporto sullo stato del clima in Europa nel 2019. Così si potranno aiutare i responsabili politici e i decision maker a compiere scelte basate su un quadro chiaro del clima in evoluzione.

Risultati principali:

  • Il 2019 è stato l’anno più caldo per l’Europa
  • 11 dei 12 anni più caldi di sempre si sono verificati dal 2000 ad oggi in Europa
  • I tre mesi più caldi sono stati febbraio, giugno e luglio, con temperature da record
  • La visione a lungo termine mostra una chiara tendenza al riscaldamento negli ultimi quattro decenni
  • Novembre ha registrato precipitazioni fino a quattro volte superiori alla media dell’Europa occidentale e meridionale
  • La parte europea dell’Artico ha registrato temperature più basse rispetto agli ultimi anni, ma l’ondata di caldo estivo ha causato lo scioglimento dei ghiacci in superficie in Groenlandia
  • I gas a effetto serra continuano ad aumentare

Il rapporto, che quest’anno fornisce ulteriori livelli di dettaglio sulle fonti e sulla durata dei data set, conferma che il 2019 è stato l’anno più caldo mai registrato per l’Europa.

A livello globale, gli indicatori climatici mostrano che le temperature medie degli ultimi cinque anni sono di 1,1 gradi centigradi al di sopra di quelle dell’era preindustriale e in tutta Europa di quasi 2,0 gradi centigradi al di sopra di quelle della seconda metà del XIX secolo. L’obiettivo dell’accordo di Parigi del 2015, ratificato da 188 paesi, è di mantenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2,0 gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali e di compiere uno sforzo comune per limitare l’aumento a 1,5 gradi centigradi.

Alcuni indicatori chiave del Rapporto mostrano come il clima stia cambiando sia a livello europeo che globale, fornendo una visione della sua evoluzione a lungo termine. I dati liberamente accessibili e di alta qualità offrono una conoscenza approfondita che può essere utilizzata da tutti i tipi di settori, tra cui agricoltura, sanità, assicurazioni, sicurezza, turismo e pianificazione urbana e nazionale.

Carlo Buontempo, direttore di Climate Change Service (C3S), commenta: “Ora è più importante che mai che tutti abbiano accesso a queste informazioni per comprendere le implicazioni a lungo termine del cambiamento climatico e ciò che le organizzazioni e gli individui possono fare per ridurne gli effetti. Un anno eccezionalmente caldo non costituisce una tendenza al riscaldamento, ma avere informazioni dettagliate dal nostro servizio operativo, che copre molti aspetti diversi del nostro clima, ci permette di collegare i puntini per saperne di più sull’evoluzione”

Il Rapporto annuale sullo stato del clima in Europa 2019 mostra come le temperature in tutto il continente continuino a tendere verso il riscaldamento. Dal 2000 si sono verificati 11 dei 12 anni più caldi. L’anno da record per l’Europa è stato il 2019 è stato seguito da vicino dal 2014, 2015 e 2018. Alcune parti d’Europa hanno registrato temperature estive da 3 a 4 gradi centigradi superiori al normale.

Inoltre, le condizioni di siccità estiva hanno colpito la copertura vegetale in molte parti del continente, anche se in alcune zone dell’Europa occidentale la copertura vegetale è tornata alla normalità in autunno, ma è stata colpita da forti piogge alla fine dell’anno.

Nella zona europea dell’Artico, le temperature sono state al di sotto dei massimi registrati negli ultimi anni. Ma l’ondata di caldo che ha colpito l’Europa continentale alla fine di luglio, si è spostata verso nord portando con sé temperature da record nella Scandinavia settentrionale e contribuendo allo scioglimento dei ghiacci di superficie in Groenlandia.

Le concentrazioni di biossido di carbonio (CO2) e metano (CH4) hanno continuato ad aumentare nell’anno. Gli scienziati dicono che è possibile trovare alte concentrazioni come quelle registrate nel 2019 solo risalendo a milioni di anni nella storia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Clima, migliaia di studenti in piazza a Roma

"Di chi è il futuro?". Questo lo slogan della prima grande manifestazione post Covid, che nel giorno dello sciopero mondiale ha riunito giovani e famiglie intasando il traffico della capitale. Le voci dal Global Strike

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto