Proprietà animale

Almo Nature donata alla Fondazione Capellino, che ha come unica finalità la salvaguardia della biodiversità e degli animali

Pier Giovanni Capellino, di Almo Nature

di FRANCESCO RUSCITO

Lo scrittore francese Anatole France disse “fino a quando non hai amato un animale, una parte della tua anima sarà sempre senza luce”. Ed è proprio questo amore che ha mosso l’imprenditore Pier Giovanni Capellino, presidente e fondatore dell’azienda Almo Nature, a compiere un gesto che ha del grandioso: la proprietà dell’azienda verrà donata alla Fondazione Capellino, ente che avrà come unica finalità la salvaguardia della biodiversità e degli animali.
«Nei prossimi mesi donerò, con effetto retroattivo sui profitti (dividendi) maturati dal 1° gennaio 2018, l’intera proprietà di Almo Nature a una Fondazione, costituita col solo fine di promuovere, ovunque nel mondo, progetti in difesa dei cani, dei gatti e della biodiversità – ha annunciato Pier Giovanni Capellino – In questa nuova dimensione, Almo Nature diventa uno strumento economico a disposizione degli animali, della biodiversità e di coloro che condividono l’idea che sia necessario un nuovo patto degli umani con tutte le altre vite».
Fondata nel 2000, Almo Nature è stata la prima azienda al mondo a produrre cibo per cani e gatti con il 100% di ingredienti Hfc (Human food chain).
Almo Nature diventa, di fatto, la prima azienda al mondo a essere posseduta dagli animali, owned by the animals, come annuncia ora anche il suo nuovo logo. Un rivoluzionario modo di fare impresa che aggiunge un tassello concreto al concetto di Responsabilità sociale d’impresa (Csr). Un sistema di restituzione e solidarietà fortemente voluto da Pier Giovanni Capellino, che da diversi anni ha creato una divisione aziendale, chiamata “aLmore”, dedicata allo sviluppo di progetti e azioni a sostegno della dignità e dei diritti degli animali.
La Fondazione si occuperà non solo dei propri progetti ma prenderà parte anche a quelli ideati da terze parti e gestirà fin da subito i due grandi progetti creati da Almo Nature sotto il cappello di aLmore: il primo “A Pet is for Life” ha l’obiettivo di ridurre il numero di cani e gatti abbandonati, mentre il secondo “Farmers&Predators” punta ad armonizzare la coesistenza tra allevatori e animali predatori selvatici.
Da novembre 2017 Almo Nature è anche il partner sostenitore principale della Safa, l’Alta scuola di formazione antibracconaggio, promossa da Legambiente, Enci e Arma dei carabinieri, per promuovere tecniche specializzate di utilizzo delle unità cinofile a supporto della tutela e conservazione della fauna.l