venerdì 15 Gennaio 2021

Progetto Life Magredi Grasslands: finalista per il Premio Natura2000

Magredi italiani

Il sistema di prati stabili del Friuli è, unico in Italia, tra i 27 finalisti in Europa per il Premio Natura2000, con il progetto Life Magredi Grasslands, coordinato dalla Regione Friuli Venezia Giulia. Sono quattro i siti di importanza comunitaria interessati dal progetto: i Magredi del Cellina, il Greto del Tagliamento, la Valle del Medio Tagliamento e la Confluenza dei fiumi Torre e Natisone. A minacciare questi rari ambienti di pianura, risultato dell’interazione tra uomo e natura nei secoli, sono diversi fattori: l’abbandono delle pratiche agricole tradizionali, l’espansione delle specie alloctone e la pressione dell’agricoltura intensiva.

I magredi, un tempo considerati luoghi poveri e poco interessanti, cominciano a essere visti oggi con altri occhi e diventano spazi per il tempo libero e una fruizione turistica sostenibile, grazie anche alle attività di comunicazione e promozione portate avanti nell’ambito del progetto Life. Ne abbiamo parlato qualche tempo fa.

Il Premio Natura2000 è stato istituito dalla Commissione europea nel 2014, per valorizzare
l’eccellenza nella gestione dei siti Natura 2000 e per dare visibilità ai benefici di questa rete di protezione per le economie locali. Attualmente, l’Ue conta 27.800 siti Natura 2000, che
rappresentano circa un quinto della superficie totale dei 27 Stati membri e il 10% delle aree marine. Eppure sono ancora molti i cittadini europei che non hanno mai sentito parlare della Rete Natura 2000: anche da qui nasce l’idea del Premio.
I progetti vincitori vengono selezionati da una Giuria di esperti, ma c’è anche il Citizens’ Award, che viene conferito con i voti del pubblico, per aumentare il coinvolgimento dal basso e la consapevolezza dell’importanza di queste aree protette per la biodiversità.

A oggi nessun progetto italiano ha mai ottenuto il Premio Natura 2000. Con il progetto Life Magredi Grasslands, potrebbe essere la prima volta. C’è tempo per votare fino alle 12 del 15 settembre 2020, CLICCANDO QUI.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

 

Elisa Cozzarini
Laureata in Scienze Politiche all’Università di Trieste. con una tesi sull’Islam nell’isola di Mauritius. Scrive di immigrazione e ambiente dal 2006. collaborando con Vita non profit. La Nuova Ecologia. Repubblica.it. Nel 2010 ha curato "G2 e giovani stranieri in Italia. Politiche di inclusione e racconti". edito da Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e Vita non profit. Come fotografa. nel 2009 ha partecipato alla mostra intitolata “They won’t budge” (“Non si muoveranno”. da una canzone del cantante maliano albino Salif Keita). sugli immigrati africani in Europa. presso la New York University.

Articoli correlati

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia

Riscaldamento degli oceani, il 2020 è l’anno record

Ciascuno degli ultimi nove decenni è stato più caldo del precedente, mentre il Mediterraneo è il bacino che mostra il tasso di riscaldamento maggiore / Clima, 2020 l'anno più caldo per l'Europa / L’ecologismo è una forma di umanesimo. L'intervista a Telmo Pievani