mercoledì 1 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Prevenire è possibile

di Serena Carpentieri*

Foto di Serena Carpentieri
Serena Carpentieri

Molti ricorderanno il naufragio nell’Oceano Pacifico della nave cargo che nel 1992 trasportava un ingente carico di paperelle di plastica galleggianti. In acqua finirono 30.000 paperelle gialle. Sono passati oltre trent’anni, eppure, secondo diversi oceanografi, due terzi di quelle paperelle continuano a vagare intorno al globo.
Non serve ricordare questo insolito naufragio per testimoniare quanto i rifiuti marini siano per definizione mobili, non “appartengono” cioè a nessuno Stato e possono arrivare potenzialmente ovunque, con scarse probabilità di essere rimossi, specie se affondati. Il problema del marine litter è complesso, non solo per le sue conseguenze – danni irreversibili per l’ecosistema, la fauna, l’economia e lo squilibrio della catena alimentare – ma anche perché necessita di un approccio di sistema. Questo è l’assunto di base della direttiva Marine strategy che impone a ogni Stato membro il raggiungimento del buono stato ecologico per le acque marine entro il 2020, secondo un set di descrittori, compreso quello dei rifiuti marini. Davvero una grande occasione: peccato che l’Italia sembra averla colta poco, visto che il 2015 è indicato dall’Europa come l’anno in cui politiche e interventi per la riduzione dei rifiuti marini dovrebbero già essere in atto. Ma come si fa a prevenire il problema?
Le rotte dei rifiuti marini sono quasi imprevedibili, ma una cosa è certa: questi scarti derivano dalle attività umane che si svolgono a terra. Parliamo dell’abbandono dei rifiuti lungo coste, fiumi e mari, ma parliamo anche dello scorretto smaltimento degli scarti di lavorazione delle attività produttive. Dai corsi d’acqua tutto viene trasportato a mare, anche ciò che i sistemi di depurazione non trattengono per la loro inefficienza. Non è un caso se cotton fioc e blister vengono ritrovati sulle spiagge vicine alle foci. Sono necessari, dunque, il miglioramento dei sistemi depurativi, un controllo più efficace sullo smaltimento dei rifiuti ma anche un costante programma di rimozione di quelli spiaggiati e una politica che oltre alla prevenzione punti a incentivare il riuso dei materiali. Fondamentale, infine, il coinvolgimento della cittadinanza e anche di chi del mare vive. Ad esempio, nel Nord Europa il fishing for litter è ormai un’espressione di uso comune per definire l’attività di recupero dei rifiuti sui fondali durante le battute di pesca. E se esiste una “taglia” per chi ritrova le paperelle gialle naufragate perché non potrebbe esisterne una per chi rimuove grandi quantità di rifiuti dai nostri fondali?

* portavoce di “Goletta Verde”

Articoli correlati

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

FORUM ECONOMIA CIRCOLARE TOSCANA

Dalle 9,00 la sesta edizione dell'Ecoforum Toscana. L'esperienza virtuosa di Prato circular city che ha come obiettivo l'accelerazione nella transizione ecologica della città. Innovazione e sostenibilità nella mission dei gestori, in attesa del nuovo Prb. Il racconto dai distretti (cartario, tessile, lapideo, vitivinicolo), le politiche per la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti urbani e l’analisi dei flussi sugli speciali
Ridimensiona font
Contrasto