venerdì 22 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Torna il Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente

L’iniziativa è rivolta alle giovani imprese che dell’economia circolare hanno fatto il proprio business core. Le iscrizioni al bando chiudono il 15 settembre

di DANIELE FAVERZANI

Torna il Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente, e con esso l’opportunità per le giovani imprese che dell’economia circolare hanno fatto il proprio business core, di mettersi in evidenza e ricevere un sostegno economico. Le iscrizioni al bando chiudono il 15 settembre.

Nelle ultime edizioni del Premio la categoria dell’economia circolare si è distinta per essere la più partecipata, segno che le idee in questo ambito non mancano e la sana competizione, per fortuna, si fa dura. Del resto un recente sondaggio Ipsos “Futuro ed Economia Circolare” a cura di CONOU, Legambiente, Editoriale Nuova Ecologia, presentato ai primi di luglio in occasione dell’Ecoforum, ci dice che il 41% degli intervistati conosce i principi di questo nuovo modello di sviluppo economico, mentre per il 47% degli intervistati ci devono essere risorse per la riconversione degli impianti industriali obsoleti, per il 36% occorre incentivare le aziende impegnate sulla circolarità, per il 40% educare i cittadini e per il 39% sostenere la ricerca.

E’ proprio nel settore della ricerca che, Vegea, la start up che si è aggiudicata nell’ultima edizione il primo posto in questa categoria del Premio, ha investito, creando un nuovo processo per trasformare i rifiuti dell’industria vinicola, le cosiddette vinacce, in tessuti spalmati a basso impatto ambientale per il settore della moda, dell’arredamento, automobilistico e del packaging. Riutilizzando le vinacce in un processo che non prevede la produzione di rifiuti, per il primo anno di attività, è stata stimata una produzione di circa 1 milione di mq di tessuto evitando così l’incenerimento di 2000 tonnellate di vinacce e la conseguente emissione di 3000 tonnellate di CO2. I tessuti ottenuti sono caratterizzati da proprietà fisiche, meccaniche ed estetiche equivalenti sia alla pelle sintetica che a pelle di derivazione animale. Un esempio veramente circolare di economia, nel quale lo scarto di un’attività produttiva diventa materia prima per un’altra impresa.

Il settore dell’economia circolare è dunque terreno fertile per nuove idee e innovazioni, che possono essere presentate entro il 15 settembre sottoponendo la propria candidatura attraverso la compilazione di un form facilmente raggiungibile dal sito www.legambienteinnovazione.org

Valorizzazione di modelli di produzione e consumo che implicano condivisione, prestito, riutilizzo, riparazione, ricondizionamento e riciclo dei materiali e prodotti esistenti, estendendo il ciclo di vita dei prodotti e contribuendo a ridurre i rifiuti al minimo, sono i punti di riferimento in base ai quali il comitato scientifico di valutazione selezionerà i progetti vincitori e, a discrezione, indicherà eventuali innovazioni da segnalare che verranno presentate durante la cerimonia di premiazione programmata per il mese di dicembre.

In questa diciassettesima edizione del Premio, Legambiente potrà contare su un partner d’eccezione come Groupama Assicurazioni, che nell’ambito della sua attività ha pensato anche a prodotti efficaci e modulabili per le piccole e medie imprese, mettendo a punto soluzioni assicurative flessibili e ‘sartoriali’, cucite ad hoc sulle esigenze delle singole aziende e sui rischi correlati alla loro attività.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

REGISTRATI SUL SITO

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Cop26, fuga di documenti rivela che alcuni Stati cercano di alterare il rapporto Ipcc

Sotto accusa Giappone, Australia e Arabia Saudita, ma anche Brasile e Argentina. Secondo quanto scoperto da Greenpeace Uk, pubblicato dalla Bbc, alcuni Paesi stanno tentando di migliorare il Rapporto Ipcc per negare la necessità di interventi drastici contro il cambiamento climatico

Mobilità, l’88% degli italiani usa mezzi privati, cala il trasporto pubblico, riprende la sharing mobility

Il primo sondaggio di Ipsos per l'Osservatorio sugli stili di mobilità in Italiai. Le proposte di Legambiente al Ministro Giovannini: "città 15 minuti, trasporto pubblico elettrico, abbonamenti integrati a Tpl e sharing mobility"

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Stadi e impianti sportivi in Italia, il 60% costruito prima del 1980

Dal mensile - In Italia ci sono circa centomila impianti sportivi, il 60% costruito prima del 1980. Riqualificarli, evitando nuovo cemento, è la tattica vincente. Per tutti

Giochi senza impatto

Dal mensile - I testimonial green prendono campo nello sport. E con “Ecoevents” anche le grandi manifestazioni diventeranno sostenibili

#EveryTrickCounts, il calcio in campo contro i cambiamenti climatici

Al via la campagna di Uefa e Commissione europea per sensibilizzare sull'importanza di piccoli gesti quotidiani per salvare il nostro pianeta dalla crisi climatica. Testimonial dello spot Luis Figo, Delphine ed Estelle Cascarino e Gianluigi Buffon / GIOCHI SENZA IMPATTO

Riciclo, in Italia raccolte 7 milioni di tonnellate di carta nel 2020

Di queste, 5 milioni sono state utilizzate nel mercato interno e le rimanenti 2 esportate. I dati del rapporto 2021 di Unirima, l’Unione nazionale imprese recupero e riciclo maceri
Ridimensiona font
Contrasto