mercoledì 20 Gennaio 2021

Potenza, catturato il lupo senza autorizzazione del Ministero dell’Ambiente

L’animale portato nel canile, ma nessun parere chiesto a ISPRA. Legambiente chiede alle autorità competenti di verificare l’operato di Comune di Potenza e Regione Basilicata

Era nota da qualche settimana la presenza di un esemplare di lupo (così classificabile almeno a prima vista e fenotipicamente, cioè in base alle caratteristiche fisiche), che si aggirava nel centro urbano di Potenza
frequentando cortili e strade dove, con una certa facilità, trovava cibo messo a disposizione per cani e gatti.

Di ieri, invece, la notizia ufficiale diffusa dal Sindaco di Potenza Mario Guarente che il lupo è stato catturato, dopo essere stato sedato con la tecnica della teleanestesia, da un veterinario esperto, e tempestivamente trasportato presso il canile municipale. Pur apprezzando la tempestività con cui il sindaco Guarente si è adoperato in questa circostanza, teniamo a precisare che la procedura messa in atto dal comune, e da quello che si apprende dalla nota diffusa soprattutto da parte della Regione Basilicata, è sbagliata e non in linea con gli strumenti e le procedure utilizzate in questi casi.

Il lupo è infatti tutelato dalla Direttiva Habitat (92/43/CEE), recepita dall’Italia con DPR del settembre 1997, n. 357, che inserisce il lupo negli allegati B e D, proibendone la cattura, l’uccisione, il disturbo, la detenzione, il trasporto, lo scambio e la commercializzazione. Per questa ragione, le catture effettuate in Italia legalmente, per motivi scientifici o gestionali, sono tutte autorizzate, in deroga alla suddetta normativa, con provvedimento del Ministero dell’Ambiente su parere ISPRA. Per la sua importanza dal punto di vista conservazionistico, il lupo, tra l’altro, deve essere oggetto di un attento e costante monitoraggio, per il quale sono responsabili le aree protette nazionali o, al di fuori di esse,
come in questo caso, la Regione Basilicata, che era informata sulla presenza del lupo nel centro abitato di Potenza e, secondo le notizie diffuse dal Comune di Potenza, presente anche alle operazioni di cattura. Tuttavia, sembra che nessuna autorizzazione sia stata chiesta al Ministero e nessun parere espresso dall’ISPRA, sia per la cattura, sia per la captivazione quanto temporanea del lupo presso il canile municipale. Si è scelto, invece, lo strumento dell’Ordinanza del Sindaco, ai sensi della quale si invocano, solitamente, gli artt. 50 e 54 del D. Lgs. 267/2000 (Testo Unico Enti Locali): l’art. 50, comma 5, T.U.E.L. prevede che “….in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal sindaco, quale rappresentante della comunità locale”, mentre l’articolo 54, comma 4 dispone che “…….Il sindaco, quale ufficiale del Governo, adotta, con atto motivato e nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento, provvedimenti contingibili e urgenti al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana”.

Un lupo che si aggira tra le case a Potenza, mangiando cibo messo a disposizione per i cani e per i gatti, non rappresenta un caso isolato e non è il primo caso accaduto. Ma soprattutto non può rappresentare un problema sanitario quello indotto da un solo lupo in un Paese come il nostro che, invece, non riesce a gestire e tollera la presenza di branchi di cani randagi in molte città, Potenza compresa. A maggior ragione può essere considerato pericoloso un animale selvatico che, come in questo caso, mostra una estrema confidenzialità molto più evidente del solito nei confronti dell’uomo e denota un’assoluta mancanza di aggressività nei confronti dell’uomo non determinando, quindi, gravi pericoli per l’incolumità pubblica. L’utilizzo dell’ordinanza sindacale per “risolvere” queste situazioni è dunque non in linea con la legislazione nazionale ed europea, ma anche fuori luogo, perché rischia di diventare uno strumento ricorrente di gestione faunistica delle specie selvatiche che invece devono, caso per caso, essere riportate e rese oggettive e autorizzate dalle autorità competenti che in questo caso è il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare.

Dunque, crediamo siano più che giustificate le segnalazioni e le ansie dei cittadini di Potenza che dovevano essere meglio informati sul fenomeno che ormai da molte settimane, se non mesi, si era verificato. Ma consideriamo sopra le righe e ingiustificata l’ordinanza del Sindaco e soprattutto la captivazione, sebbene
temporanea, in un canile anziché in una struttura idonea dal punto di vista veterinario. Se fosse stato richiesto un parere all’ISPRA, come si è fatto in altri casi anche più urgenti e difficili da gestire, si sarebbe attivata una rete di aree protette, i CRAS e strutture convenzionate in grado di ospitare il lupo in condizioni compatibili con le caratteristiche biologiche ed etologiche della specie. E soprattutto, con l’autorizzazione preventiva del Ministero si sarebbe da subito definito l’iter procedurale e operativo per decidere il destino dell’animale se nel caso si tratti di un “ibrido” o di un lupo appenninico a tutti gli effetti.

Lascia di stucco e sorprende come questo intervento sia stato gestito con approssimazione da parte della Regione Basilicata che, sebbene informata e pur presente con i propri tecnici nella fase di cattura, abbia ignorato le più elementari norme in materia (L. 157/1992), violando le più elementari prescrizioni dovute a un organismo competente in materia di tutela della fauna selvatica, e non abbia pensato di mettere in pratica i protocolli sul monitoraggio della specie predisposti da Ispra, a maggior ragione in questa fase in cui Ispra sta effettuando un Piano nazionale di monitoraggio del lupo, e senza informare il Ministero dell’Ambiente al quale chiediamo di accertare le procedure adottate dal comune Potenza e dalla Regione Basilicata per la cattura e captivazione del lupo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Marine litter, tartaruga Caretta caretta morta a Punta Pellaro

Aveva ingerito un grosso amo, recuperata il 18 gennaio da guardie ecozoofile locali

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento