venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Post Covid, il futuro delle metropoli tra ripresa economica e sviluppo sostenibile

parco

Da Bogotà a Barcellona, da Milano a Los Angeles, da Londra a San Paolo, le città di tutto il mondo stanno pianificando la vita post Covid-19, con una serie di iniziative per il clima nell’ottica di garantire la sicurezza pubblica e rafforzare la lotta al cambiamento climatico.

I sindaci di molte città hanno capito che in seguito alla crisi da Coronavirus non si potrà tornare al “business as usual” (business di sempre), perché l’umanità deve anche sfuggire a una catastrofica crisi climatica. I sindaci di 33 grandi città del mondo hanno quindi firmato una “dichiarazione di principi”, che li impegna a porre la questione climatica al centro dei loro piani di ripresa. Si sono incontrati virtualmente per coordinare i loro sforzi a sostegno di una ripresa a basse emissioni di carbonio, mentre i governi nazionali cominciano a mettere in atto enormi pacchetti di nuovo stimolo economico.

Molte città hanno già annunciato nuovi finanziamenti, dalle centinaia di chilometri di nuove piste ciclabili a Milano e Città del Messico all’ampliamento dei marciapiedi e ai quartieri pedonali di New York e Seattle.

Le iniziative sono pensate per consentire alle persone di muoversi in sicurezza negli spazi urbani in un mondo in cui la distanza fisica sarà la normalità del futuro, favorendo anche la mobilità elettrica per non provocare un ulteriore aumento dell’inquinamento atmosferico. A Londra, Sadiq Khan ha annunciato progetti per dare più spazio a ciclisti e pedoni in tutta la capitale nel tentativo di incoraggiare “viaggi verdi e sostenibili” e prevenire un picco nell’uso di automobili.

Secondo le stime degli esperti, infatti, per evitare il trasporto pubblico nelle città il numero di spostamenti in bicicletta potrebbe aumentare di 10 volte, e potrebbe essere più che triplicato il numero di persone che preferiranno girare a piedi.

“Covid-19 ha messo a nudo le disuguaglianze nella nostra società – ha affermato Khan in un’intervista al Guardian – e i profondi difetti della nostra economia, che deludono più di chiunque altro le persone delle comunità svantaggiate. Dobbiamo uscirne abbracciando una nuova normalità e con una rinnovata spinta ad affrontare l’emergenza climatica”.

I sindaci che hanno preso parte alla nuova task force economica che si è costituita ritengono che ci sia necessità di misure più radicali a lungo termine che contribuiranno ad affrontare le disuguaglianze e la crisi climatica.

“La nostra priorità immediata – ha dichiarato il sindaco si Milano Sala – è quella di proteggere la salute dei nostri residenti e superare la pandemia di Covid-19”. Milano ha introdotto uno dei più ambiziosi programmi europei per il ciclismo e le passeggiate, con 35 chilometri di strade da trasformare nel corso dell’estate.

A Parigi, il sindaco ha stanziato 300 milioni di euro per una rete di piste ciclabili, molte delle quali seguiranno le linee della metropolitana esistenti, per offrire un’alternativa al trasporto pubblico.

A Bogotá, la capitale colombiana, una rete di 120 chilometri di strade che di solito sono ciclabili per un giorno alla settimana sarà ora sempre lbera dal traffico, e altri 75 chilometri di piste ciclabili saranno aperte per ridurre l’affollamento sui mezzi pubblici e migliorare la qualità dell’aria.

New York ha svelato i piani per aprire 161 chilometri di strade per “ricreazione socialmente responsabile” durante la crisi di Covid-19, con particolare attenzione alle aree più bisognose, mentre Oakland, in California, sta chiudendo 120 chilometri delle sue strade alle auto di passaggio e mettendo da parte fino al 10% delle strade per la trasformazione.

Città del Messico sta progettando 129 chilometri di piste ciclabili temporanee, e Barcellona sta aggiungendo 30.000 metri quadrati alla sua rete pedonale e altri 21 chilometri alla rete ciclabile.

Nel Regno Unito, il governo scozzese ha annunciato 10 milioni di sterline per creare percorsi a piedi e in bicicletta, mentre i sindaci dell’Inghilterra settentrionale hanno suggerito un programma nazionale per il retrofit delle case con la tecnologia delle energie rinnovabili.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto