domenica 5 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Pomo della discordia

Nasce la prima area sottoposta a restrizione delle attività di pesca (Fishery restricted area) in Adriatico: la Fossa di Pomo, la zona più pescosa dell’Adriatico centrale per gli scampi, fra Italia e Croazia. Al suo interno sono state individuate tre zone: una chiusa a tutte le attività, a strascico, con reti da posta e palamiti, e due dove la pesca sarà ridotta di oltre il 50%. «La decisione della Commissione generale sulla pesca nel Mediterraneo è una pietra miliare – afferma Domitilla Senni di MedReAct – a dimostrazione che i progressi si possono raggiungere anche in aree pesantemente sfruttate dalla pesca a strascico». La Fossa di Pomo è una zona di nursery importantissima per specie commerciali come scampi e naselli, ma anche altre specie, come totani, moscardini, gamberi rosa. I suoi fondali racchiudono molti ecosistemi marini vulnerabili: giardini di coralli, vulcani di fango, rocce sparse nei fondali sabbiosi, resti di coralli profondi morti, indicatori di antiche comunità di quelli bianchi che popolavano il bacino in epoche lontane e ora fossilizzate. Sono ambienti considerati particolarmente sensibili all’impatto delle attività di pesca, che essendo continua e ubiquitaria ne rende impossibile il recupero. Per questo la Fossa di Poma era già stata chiusa alla pesca nel 1998, con l’istituzione da parte dell’Italia di una Zona di tutela biologica. Ma il divieto di pesca non era stato mai applicato, lasciando indisturbata la pesca fino al 2015, quando Italia e Croazia, di comune accordo, chiusero la Fossa allo strascico. L’accordo durò però poco più di un anno: nell’ottobre 2016 l’Italia riaprì unilateralmente la Fossa di Pomo allo strascico, causando una rottura nelle relazioni bilaterali con la Croazia. Oggi con l’istituzione dell’area sottoposta a restrizione da parte della Commissione generale sulla pesca nel Mediterraneo si è fatto un passo avanti decisivo, grazie all’Adriatic recovery project e al lavoro dei tanti ricercatori che già nel Duemila richiedevano misure di tutela per la Fossa di Pomo.

Elisa Cozzarini
Laureata in Scienze Politiche a Trieste, come giornalista si occupa di ambiente, e in particolare di fiumi, da oltre dieci anni. Si dedica al racconto del territorio del Friuli Venezia Giulia e del Veneto attraverso la scrittura, la fotografia e l'audiovisivo. Ha pubblicato diversi libri per Ediciclo/Nuovadimensione, tra cui "Radici liquide. Un viaggio inchiesta lungo gli ultimi torrenti alpini", 2018, finalista al Premio Mario Rigoni Stern.

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto