mercoledì 27 Gennaio 2021

Pneumatici fuori uso, un’iniziativa per eliminarli da boschi e aree naturali

Discarica di Pneumatici a Montesilvano

Oltre 200 pneumatici abbandonati in un bosco. Siamo a Marano Principato, provincia di Cosenza, dove sabato scorso Legambiente ed EcoTyre hanno dato il via al primo di una nuova serie d’interventi straordinari per liberare diverse aree dai PFU: la sigla sta per Pneumatici Fuori Uso, rifiuti speciali il cui abbandono nell’ambiente costituisce una questione annosa e di complessa risoluzione, sia in termini economici che operativi e logistici.

Una partnership che si rinnova per il nono anno di seguito quella tra l’associazione ambientalista ed EcoTyre, consorzio specializzato nell’avvio al corretto recupero dei PFU che anche per il 2020 parteciperà a Puliamo il Mondo, l’edizione italiana del più grande appuntamento di volontariato ambientale del globo (Clean up the World) organizzato da Legambiente per i prossimi 25, 26 e 27 settembre. Tappa che anticiperà il weekend di pulizia di città, litorali e spazi verdi dai rifiuti (in programma nel pieno rispetto delle normative anti-Covid) sarà proprio il piccolo Comune calabrese, dove i circoli territoriali di Legambiente si sono profusi particolarmente per contrastare il massiccio abbandono di PFU, mentre EcoTyre si è fatto pieno carico dei costi per il loro avvio al recupero.

Ben 85 – di cui 40 in Calabria – gli interventi eseguiti nel corso di questi nove anni di collaborazione, per un totale di 190 mila chilogrammi di PFU raccolti in quasi tutte le regioni d’ItaliaPer il 2020 EcoTyre si è reso disponibile a effettuare una ventina di ritiri straordinari gratuiti, in ogni parte d’Italia: alcuni Comuni e circoli di Legambiente hanno già individuato i siti da cui rimuovere i PFU e ne hanno richiesto il ritiro, in particolare in Calabria e Sicilia. Ogni altra richiesta dovrà pervenire entro il prossimo 9 ottobre a EcoTyre, che garantirà il ritiro e l’avvio al corretto trattamento e recupero dei PFU raccolti dai volontari.

I PFU rappresentano una vera e propria risorsa, perché possono essere recuperati al 100%: grazie al progetto di EcoTyre “Da Gomma a Gomma” è ora possibile riutilizzare il granulo da PFU per la produzione di altri pneumatici e materiali in gomma. Il prossimo obiettivo del Consorzio è aumentare le percentuali di utilizzo del granulo all’interno di pneumatici.

“Confermiamo anche per il 2020 – dichiara Enrico Ambrogio, Presidente di EcoTyre – la partnership con Legambiente e il nostro sostegno a Puliamo il Mondo. In questi nove anni di collaborazione, abbiamo raccolto migliaia di PFU, alcuni posizionati in luoghi difficili da raggiungere, pensiamo alla dorsale carsica profonda più di 100 metri o al Sentiero del Tracciolino, in cui sono stati utilizzati gli asini perché il passaggio di qualsiasi mezzo di trasporto era impossibile. Crediamo molto in queste iniziative perché rispettiamo il nostro Pianeta e perché ci permettono di incontrare tante persone, volontari, cittadini, bambini, con cui dialogare e spiegare loro vis-à-vis quanto possiamo fare per l’ambiente rispettando la filiera di recupero dei PFU. Non smetteremo mai di ribadirlo: i PFU possono essere gestiti in modo sostenibile attraverso il lavoro di consorzi come il nostro che garantiscono il ritiro gratuito a gommisti e officine che si occupano del cambio gomme”.

La collaborazione con Puliamo il Mondo ricade nel progetto PFU Zero, patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che ha l’obiettivo di creare e avere a disposizione una mappatura di depositi abbandonati di Pneumatici Fuori Uso segnalati da enti locali, associazioni e cittadini. Le raccolte straordinarie sono svolte in modalità totalmente gratuita e senza alcun costo per le amministrazioni locali. È possibile segnalare un deposito abbandonato di PFU, collegandosi al sito internet dedicato: EcoTyre valuta ogni segnalazione per gli interventi di raccolta e avvio al recupero.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Economia circolare, l’allarme delle imprese: “Manca una programmazione”

Il commento di Unirimap, Assorimap e Assofermet: “Basta ritardi. Servono subito anche 2,625 mld per puntare davvero sulla green economy”

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Economia circolare, l’allarme delle imprese: “Manca una programmazione”

Il commento di Unirimap, Assorimap e Assofermet: “Basta ritardi. Servono subito anche 2,625 mld per puntare davvero sulla green economy”

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca