venerdì, Ottobre 23, 2020

Plastiche nel Mediterraneo, parte il progetto europeo COMMON

plastica Mediterraneo

Il 23 ottobre, in occasione della conferenza stampa di lancio del nuovo progetto europeo COMMON, finanziato nell’ambito del programma ENI CBC MED per affrontare il problema dei rifiuti in mare attraverso un approccio integrato, Legambiente ha diffuso gli ultimi dati sui rifiuti galleggianti di Goletta Verde.

Negli ultimi monitoraggi dei rifiuti lungo le coste italiane effettuati tra luglio e agosto per oltre 296 km di navigazione, l’equipaggio tecnico di Goletta Verde ha registrato una media di 230 rifiuti per km2. La percentuale più alta di rifiuti marini si registra nel Tirreno (51,5%) a cui segue l’Adriatico (40,9%) e lo Ionio (7,6%). Oltre il 99% dei rifiuti analizzati è costituito da materiali plastici. I rifiuti più comuni sono pezzi di plastica non identificabili (72%), seguiti da teli e fogli in plastica (7,4%), buste di plastica (6,5%), cassette in polistirolo (5,9%), bottiglie di plastica (2,1%), reti e fili (2,1%), agglomerati di materiale plastico ed organico (1,5%) ed infine tappi e coperchi di plastica (0,9%). Dati preoccupanti, che confermano i risultati dei monitoraggi sui rifiuti galleggianti effettuati dall’Università di Siena nel Santuario Pelagos, area marina protetta fra le coste francesi e italiane fra, in cui la media di rifiuti galleggianti è di 194 per km2.

“Il problema dei rifiuti in mare rappresenta una delle sfide più complesse del Mediterraneo. Non parliamo solo di un problema ambientale legato agli enormi danni alla biodiversità e all’ecosistema tutto ma anche di un problema economico, che ha ripercussioni sulle attività produttive, dal turismo alla pesca”, commenta Serena Carpentieri, vicedirettrice di Legambiente “Per affrontare questa emergenza è necessario, da un lato, acquisire nuove conoscenze sul fenomeno e, dall’altro, sostenere processi decisionali di prevenzione e gestione sulla terraferma. Per questo, il progetto COMMON si pone l’obiettivo di studiare modelli di governance efficaci in alcune aree pilota, il primo passo per fronteggiare il problema a livello Mediterraneo”.

Obiettivi del progetto COMMON

COMMON (COastal Management and MOnitoring Network for tackling marine litter in Mediterranean sea), progetto finanziato dall’Unione Europea tramite il programma ENI CBC MED con 2,2 milioni di euro, intende costruire una rete di collaborazione fra Italia, Tunisia e Libano per favorire la riduzione dei rifiuti marini. Il progetto vede coinvolti Legambiente, l’Università di Siena, l’Istituto Nazionale di Scienze e Tecnologie del Mare di Tunisi, l’Istituto agronomico mediterraneo di Bari, l’ONG libanese Amwaj of the Environment, l’Università di Sousse e la riserva naturale di Tyre, in Libano. L’obiettivo comune è la riduzione del marine litter utilizzando i principi della Gestione Integrata delle Zone Costiere (ICZM) in 5 aree pilota, pianificando l’uso e il monitoraggio delle risorse e utilizzando un approccio partecipativo efficace che coinvolga le parti interessate e le comunità locali, con l’ambizione di testare un modello potenzialmente trasferibile a tutto il bacino mediterraneo.

Il progetto non si limiterà al trasferimento di informazioni per migliorare la consapevolezza del fenomeno dei rifiuti marini, ma svilupperà attività di formazione e capacity building indirizzate alle autorità locali e regionali, alle Aree Marine Protette, ai centri di recupero delle tartarughe marine e ai cittadini in generale. Attiverà campagne di sensibilizzazione e progetti di networking, coinvolgerà comunità e operatori economici locali nell’integrazione della gestione e dello smaltimento dei rifiuti marini con l’approccio ICZM. Data la natura degli ambienti marini, non isolati dal contesto circostante, i problemi legati al mare possono essere affrontati solo a livello comunitario e con un approccio multi-istituzionale.

Una tra le principali ambizioni del progetto è la gestione di un Network permanente che punti al coordinamento dei centri di recupero di tartarughe marine per approfondire il problema dei rifiuti in mare, che vede Italia, Tunisia e Libano coinvolti in prima linea. Inoltre, sulla scorta della direttiva europea per la riduzione della plastica monouso, e con la precedente normativa sul limite di utilizzo delle buste di plastica, il progetto vuole incoraggiare e promuovere il bando dei sacchetti in plastica in tutto il bacino mediterraneo.

COMMON svilupperà inoltre protocolli di monitoraggio per valutare l’impatto del marine litter nelle cinque aree pilota coinvolte nel progetto: due in Italia (Maremma e Puglia), due in Tunisia (Isole Kuriate e Monastir) una in Libano (riserva naturale di Tyre). Darà il via ad attività a livello costiero per il campionamento di specie ittiche in collaborazione con i pescatori locali, ed eseguirà indagini eco tossicologiche nelle specie commestibili (ingestioni di plastica, contaminanti, biomarcatori). Le attività di monitoraggio faciliteranno l’identificazione delle fonti di marine litter al fine di progettare azioni di mitigazione efficaci nelle aree coinvolte, valutarne l’impatto sulla biodiversità e sviluppare strategie efficaci per preservarla.

Emergenza Mediterraneo

La maggior parte delle ricerche scientifiche condotte finora documenta l’impatto del fenomeno nel Mediterraneo occidentale e centrale; meno battute, le coste del Mediterraneo sud e orientale. Inoltre, emerge sempre più chiaramente l’esigenza di una risposta collettiva per affrontare il problema dei rifiuti in mare attraverso un approccio integrato, in cui i diversi attori politici e della società civile possano lavorare insieme e in modo coordinato.

Un recente report tunisino ha evidenziato, per la prima volta, la presenza e l’accumulo di microplastiche nei tratti gastrointestinali e nei muscoli del pesce Serranus scriba, una tra le specie di pesce più consumata in Tunisia. I dati mostrano la presenza di un alto livello di microplastiche in tutti i campioni di pesce esaminati. Questi rifiuti intrappolano, feriscono o vengono ingeriti dagli organismi acquatici, offrono trasporto alle specie aliene per raggiungere ambienti estranei all’ambiente naturale, ma il problema più grande è che i rifiuti non scompaiono. Rimangono per decenni nell’ambiente e si frammentano in pezzi sempre più piccoli, impossibili da rimuovere e da individuare: le microplastiche (frammenti di dimensione minore di 5 mm), che hanno una via facilitata per entrare nella catena alimentare e contaminarla.

“L’ingestione di microplastiche è stata documentata per 76 specie mediterranee tra cui pesci e tartarughe marine e nonostante i recenti progressi scientifici c’è bisogno di colmare le carenze attuali sulla conoscenza del tema” dichiara Maria Cristina Fossi, docente dell’Università di Siena, partner del progetto COMMON. “La crescente urgenza e complessità delle sfide sociali interconnesse, come il marine litter, richiede che vengano affrontate attraverso il rafforzamento dell’interfaccia scienza, politica e società per fornire le condizioni necessarie a tradurre le conoscenze basate sulla ricerca in azioni efficaci. Inoltre, l’impatto dei rifiuti ingeriti dagli organismi marini dovrebbe essere valutato attraverso un monitoraggio integrato, sia sulle specie commerciali che in quelle protette”.

Libano e Tunisia si ritrovano, inoltre, ad affrontare grandi difficoltà nel sistema di raccolta e gestione dei rifiuti, una tra le principali cause del fenomeno del marine litter. Sebbene non sia una grande produttrice di plastica, il suo consumo è altissimo: oltre 25 mila tonnellate di plastica prodotte nel 2016, con un riciclaggio stimato al solo 4% del totale (dati ANPE). Il Mediterraneo conta circa 10 mila tonnellate di plastica provenienti dalla Tunisia (e circa 40 mila tonnellate provenienti dall’Italia). In Libano, la produzione di rifiuti totali è stimata a 481 kg pro capite l’anno, dei quali il 55% viene scaricato in cassonetti indifferenziati e solo il 18% dei rifiuti solidi urbani viene trattato mediante riciclaggio e compostaggio. Per di più, il 90% dei rifiuti industriali e il 30% dei rifiuti ospedalieri vengono smaltiti insieme ai rifiuti domestici, di cui il 4% è classificato come pericoloso. L’85% dei rifiuti solidi prodotti in Libano, tra cui rifiuti marittimi, viene smaltito in discarica senza alcun trattamento o cernita. Studi recenti hanno dimostrato che l’80% dei rifiuti marini in Libano è composto da plastica, con 124 mila kg al giorno smaltiti inadeguatamente.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,879FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

In Italia 598 Comuni rifiuti free, in crescita quelli del Sud

Legambiente premia i Comuni Ricicloni 2020. Il Nord Est guida la graduatoria grazie a porta a porta e tariffazione puntuale, con Veneto e Trentino Alto Adige le regioni più virtuose. In risalita il Meridione, mentre resta stabile l'andamento del Centro. I risultati dell'indagine

Recovery plan, “Un investimento per il futuro dei nostri figli”

Il sottosegretario del ministero dell’Ambiente Roberto Morassut indica la direzione prevista per i fondi in arrivo dalla Commissione europea. Tra le priorità gli impianti per la rigenerazione dei rifiuti, una maggiore applicazione del Gpp e l’emanazione di nuovi decreti End of waste