domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Entro il 2045 la maggior parte delle coppie potrebbe usare la riproduzione assistita

A dirlo è la professoressa di medicina ambientale Shanna Swan. Responsabili le sostanze chimiche nella plastica

Shanna Swan è una professoressa di medicina ambientale e salute pubblica alla Mount Sinai School of Medicine di New York City, che studia le tendenze della fertilità. Nel 2017 ha documentato come il numero medio di spermatozoi tra gli uomini occidentali si sia più che dimezzato negli ultimi 40 anni. “Count Down” è il suo nuovo libro. Nell’intervista che le ha fatto il Guardian analizza un problema di cui le persone non amano parlare ovvero i problemi riproduttivi e che come questi siano legati all’ambiente.

Gli ftalati, utilizzati per rendere la plastica morbida e flessibile, sono di primaria importanza. Sono presenti ovunque e probabilmente siamo principalmente esposti attraverso il cibo poiché utilizziamo plastica morbida nella produzione, lavorazione e confezionamento degli alimenti

Una serie di concause

“Le persone stanno riconoscendo che abbiamo una crisi della salute riproduttiva, ma dicono che è a causa del fatto che si arrivi in ritardo alla gravidanza, per scelta, per stile di vita – spiega Shanna Swan – Non sto dicendo che altri fattori non siano coinvolti. Ma sto dicendo che le sostanze chimiche svolgono un ruolo  importante”. Swan ha osservato il cambiamento nella fecondità ridotta (la capacità di avere figli) ed è rimasta sorpresa nel vedere che le donne più giovani avevano sperimentato un aumento maggiore rispetto ai gruppi di età più avanzata. Ciò suggerisce che qualcosa oltre all’invecchiamento e alla procreazione ritardata sta influenzando la fertilità.

Sostanze chimiche mimano gli ormoni

Quali sostanze chimiche sono le più preoccupanti per la salute riproduttiva? Secondo la studiosa quelle che possono interferire o imitare gli ormoni sessuali del corpo – come il testosterone e gli estrogeni – perché questi rendono possibile la riproduzione. Possono far credere al corpo di avere abbastanza di un particolare ormone e che non ha bisogno di produrne altro, quindi la produzione diminuisce.   Mentre le capacità di viaggiare degli spermatozoi vengono interrotte da sostanze chimiche comuni.

Ftalati e bisfenolo A

Gli ftalati, utilizzati per rendere la plastica morbida e flessibile, sono di primaria importanza. Sono presenti ovunque e probabilmente siamo principalmente esposti attraverso il cibo poiché utilizziamo plastica morbida nella produzione, lavorazione e confezionamento degli alimenti. Abbassano il testosterone e quindi hanno le influenze più forti sul lato maschile, ad esempio con la diminuzione del numero di spermatozoi, sebbene siano anche dannosi per le donne, che hanno dimostrato di diminuire la libido e aumentare il rischio di pubertà precoce, insufficienza ovarica prematura, aborto spontaneo e parto prematuro.

Un altro nemico della fertilità è il bisfenolo A (BPA), usato per indurire la plastica e trovato nelle ricevute dei registratori di cassa e nel rivestimento di alcuni contenitori di cibo in scatola. Imita gli estrogeni e quindi è un attore particolarmente dannoso per le donne, aumentando i rischi di infertilità, ma allo stesso modo può influenzare gli uomini. Gli uomini professionalmente esposti al BPA hanno mostrato una diminuzione della qualità dello sperma, una riduzione della libido e tassi più elevati di disfunzione erettile. Altre sostanze chimiche preoccupanti includono ritardanti di fiamma e alcuni pesticidi come l’atrazina.

La tempistica dei danni

Il modo più semplice è l’esposizione diretta. Un feto femmina, in utero, sta crescendo le uova che utilizzerà per avere i propri figli. Queste sostanze chimiche possono raggiungere anche quelle cellule germinali

Gran parte dell’esposizione che causa questi cambiamenti si verifica in utero quando il feto si sta formando per la prima volta. “Queste cellule in rapida divisione sono le più sensibili. Questo continua anche durante l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta – spiega Swan – C’è una natura cumulativa in questo. E possiamo trasmettere questi effetti. Il modo più semplice è l’esposizione diretta. Un feto femmina, in utero, sta crescendo le uova che utilizzerà per avere i propri figli. Queste sostanze chimiche possono raggiungere anche quelle cellule germinali”.  La distanza anogenitale (AGD) la distanza dall’ano ai genitali è molto importante per capire alcune cose. Di solito è molto più lunga nei maschi rispetto alle femmine. È un indicatore della quantità di androgeni (ormoni sessuali maschili compreso il testosterone) a cui è stato esposto un neonato durante le prime fasi della gravidanza. L’AGD è un indicatore così importante della salute riproduttiva e dei disturbi endocrini: se lo misurassimo per ogni bambino, sapremmo qualcosa sulla loro futura fertilità. AGD più brevi nei maschi e AGD più lunghi nelle femmine indicano un minore successo riproduttivo. “Per difendersi perquanto possibile, bisognerebbe mangiare cibi non trasformati, in quanto ciò dovrebbe ridurre l’esposizione attraverso la plastica” suggerisce Swan. In particolare, gli ftalati.

Entro il 2045

Se si segue la curva della meta-analisi del declino dello sperma del 2017, si prevede che entro il 2045 avremo un conteggio medio degli spermatozoi pari a zero. “È speculativo estrapolare, ma non ci sono prove che stia diminuendo. Ciò significa che la maggior parte delle coppie potrebbe dover utilizzare la riproduzione assistita” mette in guardia Swan.  Cosa deve succedere? “L’industria chimica deve iniziare a produrre sostanze chimiche che possono essere utilizzate nei prodotti di uso quotidiano che non sono attivi dal punto di vista ormonale” conclude.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Leggi anche:

Microplastiche, a rischio i grandi predatori

 

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto