giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Plastic tax, una norma da estendere a tutti i prodotti plastici

plastic tax

Una “norma sacrosanta” che “deve essere migliorata”. Il presidente di Legambiente Stefano Ciafani è intervenuto così nel dibattito “surreale” che si sta sviluppando attorno alla plastic tax, ovvero la legge che punta a introdurre una tassa per i produttori di plastica. Un commento, quello di Ciafani, in risposta al post su Facebook del ministro degli Esteri Luigi Di Maio e alla querelle sulla plastic tax fortemente criticata da Confindustria e Mineracqua, che hanno definito la norma in questione come l’ennesimo balzello a scapito delle imprese e dei consumatori.

“Ha ragione il ministro Luigi Di Maio, come già evidenziato ieri (2 novembre, ndr) dal collega di governo Giuseppe Provenzano e dal vicesegretario Pd Andrea Orlando: quello sulla plastic tax è un dibattito davvero surreale, perché si tratta di una norma per la tutela dell’ambiente e la riconversione dell’industria della plastica – ha dichiarato Ciafani – Però se da una parte la plastic tax è sacrosanta, dall’altra parte così come è stata scritta non va ancora bene e deve essere assolutamente migliorata perché contiene due gravi errori”.

Per il presidente di Legambiente è infatti “impensabile riservare lo stesso trattamento fiscale per le plastiche vergini prodotte da un petrolchimico, che vanno più che tartassate, e per quelle ottenute dal riciclo di plastiche da raccolta differenziata. Per queste ultime deve essere garantito lo stesso trattamento di favore riservato giustamente alle plastiche compostabili e ai manufatti riutilizzabili. Inoltre questa tassa al momento colpisce solo gli imballaggi di plastica, pari a 2 milioni di tonnellate all’anno, e non riguarda tutti gli altri prodotti in plastica, che arrivano ad una produzione di circa 4 milioni di tonnellate. Ha senso prevedere un allargamento del bacino di applicazione a tutti i manufatti in plastica e non solo agli imballaggi, anche alla luce dei risultati raggiunti dal sistema nazionale sugli obiettivi percentuali di recupero, addirittura in anticipo rispetto alle scadenze previste dalle direttive europee. Per questo auspichiamo che il Senato, dove domani approderà la manovra, abbia il coraggio di modificare il testo. È vero come sostiene Di Maio che la plastic tax serve a dare una scossa e a invertire la rotta, ma per farlo pienamente è fondamentale migliorare ulteriormente il testo”.

“Nella lotta per ridurre la plastica monouso – ha aggiunto Ciafani – la stessa Europa ha chiesto a tutti i paesi membri di intervenire in maniera concreta, con bandi e tasse, per fronteggiare la seconda emergenza ambientale globale dopo la crisi climatica: la presenza dei rifiuti plastici nell’ambiente, a partire da quello marino. L’Italia, dunque non perda questa occasione per restare un modello per gli altri paesi, rafforzando il suo primato mondiale sulla normativa contro l’inquinamento da plastica. Il nostro Paese ha infatti già messo al bando i sacchetti di plastica tradizionale per l’asporto merci, i sacchetti ultraleggeri per frutta e verdura, i cotton fioc in plastica e l’uso delle microplastiche nei prodotti cosmetici da risciacquo. Inoltre non dimentichiamo che l’Italia è stato il primo ad inventare il polipropilene (il Moplen di Gino Bramieri in Carosello) negli anni ’60 e le bioplastiche compostabili prodotte da scarti vegetali e rinnovabili negli anni ’90. Per questo auspichiamo che da parte del mondo industriale italiano arrivi un altro scatto di orgoglio e di innovazione che, partendo da una nuova tassazione sulla plastica vergine e contro l’usa e getta, permetta al paese di mantenere quella leadership nel settore che nel passato ci ha visti primeggiare a livello mondiale”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto