giovedì, Ottobre 29, 2020

Plastic Free, parte la collaborazione tra Legambiente e Terna

L'immagine di bottigliette in plastica

È iniziata la collaborazione tra Terna e Legambiente per individuare i corretti processi per la graduale eliminazione delle plastiche monouso, e il loro riciclo, negli ambienti di lavoro. Nei primi mesi del prossimo anno verranno definite delle comuni linee guida destinate a diventare un supporto operativo per tutte le realtà interessate a intraprendere un processo “plastic free”.

Terna ha adottato il progetto “Plastic Free” dal dicembre del 2018, azzerando gradualmente l’utilizzo della plastica monouso a partire dalle sue sedi romane.  Questo processo di cambiamento sarà oggetto di un’apposita misurazione da parte di AzzeroCO2 al fine di rilevare gli effetti fin qui ottenuti, individuare eventuali alternative sostenibili e quantificare i risultati in termini di quantità di plastica ed emissione di CO2 eliminata. L’elaborazione dei dati rilevati da questo primo studio saranno alla base della stesura delle linee guida che, come detto, diventeranno un vero e proprio strumento per tutti i soggetti interessati a intraprendere un processo di deplastificazione.

Terna non è nuova a iniziative di questo tipo. La sostenibilità ambientale è un valore da sempre promosso dall’azienda in ogni suo ambito di attività esterna, come riconosciuto dal recente primato nell’indice Dow Jones Sustainability 2019, sia interna grazie all’impegno attivo dei singoli lavoratori che diventano attori di un processo di cambiamento.

La diminuzione, fino all’azzeramento, della presenza di plastiche usa e getta negli uffici è uno dei principali obiettivi di sostenibilità per aziende e amministrazioni pubbliche: avviare il processo di deplastificazione significa, prima di tutto, avviare uno studio della realtà nella quale si vuole innestare il cambiamento e individuare, all’interno di un’ampia gamma di buone pratiche, le azioni prioritarie, maggiormente incisive e sostenibili, per il raggiungimento dell’obiettivo finale.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,911FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

Vaia, due anni dopo: gli alberi schiantati diventano l’edificio in legno più alto d’Italia

Un progetto di social housing a Rovereto: 9 piani per 29 metri, costruito con il prezioso legno degli alberi caduti, grazie al lavoro di aziende certificate PEFC e aderenti alla Filiera Solidale

Ciao Rita

Il Covid-19 ci ha portato via Rita Tiberi ed è un immenso dolore. È stata una colonna portante di Legambiente praticamente da sempre, in...